S&P 500 ^GSPC
5,069.82
-0.16%
Alphabet GOOG
$137.43
-1.91%
Nvidia NVDA
$776.63
-1.32%
Tesla TSLA
$202.04
+1.16%
Apple AAPL
$181.42
-0.66%
Meta META
$484.02
-0.62%
Amazon AMZN
$173.16
-0.22%
Microsoft MSFT
$407.72
+0.06%

La battaglia degli ETF sui semiconduttori: chi ha la meglio?

Ciriaco Lecce
18. 5. 2023
6 min read

Se siete interessati alle società di semiconduttori, questo articolo fa per voi.

Oggi daremo un'occhiata ai 2 maggiori ETF che investono in aziende di questo settore.

Probabilmente non c'è bisogno di spiegarvicos'è un ETF, ma ricapitoliamo: si tratta di un fondo negoziato in borsa. Il suo valore nominale normalmente replica il prezzo della società a cui il fondo è collegato. Tuttavia, se ci sono fondi che investono in società diverse, il loro prezzo di borsa è ovviamente influenzato.

Isemiconduttori dominano il mondo. Senza di loro, non avremmo la tecnologia moderna come la conosciamo. Grazie a tecnologie di produzione e di progettazione dei componenti sempre più avanzate, siamo arrivati a un punto in cui i computer sono spesso a un livello superiore rispetto al software. Il processore, il cervello di ogni dispositivo intelligente, contiene diversi miliardi di transistor. Il fatto che siamo riusciti a ridurre questi componenti a livelli quasi atomici è ciò che rende le nostre macchine così potenti. Oggi i chip più avanzati sono costruiti con tecnologia a 5 nanometri e altri sono in fase di realizzazione.

Secondo la legge di Moore, tra 10-20 anni raggiungeremo il limite del possibile rimpicciolimento dei transistor e delle relative prestazioni dei moderni processori.

Le aziende del settore stanno già lavorando duramente per inventare un modo per andare oltre e non fermare il progresso. Ma per farlo è necessario investire molto denaro nella ricerca e nella tecnologia. Questo passo è difficile e se si vuole puntare su un'unica azienda per farlo, bisogna avere una mano d'oro nella scelta.

Un modo molto più semplice è quello di distribuire il proprio capitale su più aziende. In questo modo non dovrete preoccuparvi se la vostra azienda raggiungerà il risultato desiderato. Il modo più semplice per diversificare è attraverso gli ETF.

ETF IShares Semiconductor $SOXX-1.1%

L'ETF IShares Semiconductor è gestito da iShares, una divisione di BlackRock, uno dei maggiori gestori patrimoniali al mondo.

Questo ETF traccia la performance di un indice relativo all'industria dei semiconduttori. Include titoli di varie società operanti nei settori della produzione di chip, dei materiali per semiconduttori, delle attrezzature per la produzione di semiconduttori e di altri settori correlati. Questa diversificazione offre all'investitore un ottimo portafoglio di titoli legati alla produzione e alla ricerca sui semiconduttori. In questo modo si ha una visione d'insieme dell'intero processo produttivo, dall'estrazione mineraria alla lavorazione vera e propria del prodotto finale.

Le posizioni più importanti includono le ben note $NVDA-1.3%, $AMD-0.8%, $QCOM-1.0% o $INTC-1.7%.

Ognuna di queste aziende innovative è diversa dall'altra, ma sono molto simili tra loro. La differenza principale è il modo in cui producono i loro processori. Tralasciamo il fatto che $NVDA-1.3% o $AMD-0.8% producono chip sia per la grafica che per i processori. Intel $INTC-1.7% è un'azienda che ha il pieno controllo della produzione. Crea i propri progetti e poi produce il processore da sola, senza doversi affidare ad altre fabbriche come $TSM-0.9%. Questo è il principale vantaggio di Intel e il motivo per cui i suoi processori sono utilizzati soprattutto nei computer portatili o desktop tradizionali.

Le commissioni di questo ETF sono amichevoli. L'Expense Ratio è dello 0,35% e questo è tutto. Se volete saperne di più, potete farlo qui: https://www.etf.com/SOXX

La percentuale maggiore di investimenti è negli Stati Uniti, con uno schiacciante 90%. La Cina e Taiwan seguono a breve distanza. Seguono i Paesi Bassi e la Francia. Si tratta di un mix che offre anche una leggera diversificazione tra i continenti.

Prezzo attuale

Il fondo gestisce oltre 7,7 miliardi di dollari ed è quotato al NASDAQ. È stato fondato nel 2001 e da allora è riuscito a guadagnare oltre il 500%. Il prezzo attuale per azione viene scambiato in borsa a 431 dollari, a una distanza del 23% dal picco massimo e, in linea con la crescita dei titoli che possiede, non c'è da stupirsi. Dall'inizio dell'anno, questo ETF ha guadagnato il 25% e non si ferma.

$SOXX-1.1%

Van Eck Semiconductor ETF $SMH-1.1%

Si concentra sugli investimenti in società che operano nel settore dei semiconduttori. È gestito da VanEck, noto fornitore di ETF e altri prodotti di investimento.

Questo fondo segue la performance di un indice specifico relativo al settore dei semiconduttori, che si concentra sulle società che producono semiconduttori, chip, componenti per semiconduttori o attrezzature per la produzione di semiconduttori. Il fondo mira a fornire agli investitori un'esposizione diversificata a questo settore dinamico con un elevato potenziale di crescita.

Questo fondo è leggermente più costoso, ma "solo" per Expense Ratio - 0,35% e Expense Ratio Netto - 0,35%.

Maggiori informazioni qui: https://www.vaneck.com/us/en/investments/semiconductor-etf-smh/

Il vantaggio maggiore per molti investitori sarà anche il minor costo totale per quota. Ora è di 130 dollari. Naturalmente è possibile acquistare questi ETF in pezzi, ma alcuni preferiscono acquistare pezzi interi, se possibile.

Il loro portafoglio è molto simile a quello dell'ETF precedente, solo con una diversa proporzione di titoli. La posizione più grande è ancora $NVDA-1.3%. Ma la seconda è $TSM-0.9% seguita da $INTC-1.7%.

I semiconduttori sono alla base della tecnologia moderna e alimentano qualsiasi cosa, dagli smartphone ai computer, dall'intelligenza artificiale ai veicoli autonomi. Con i rapidi progressi tecnologici, la domanda di semiconduttori è destinata a crescere, offrendo opportunità di investimento.

Investendo nel VanEck Semiconductor ETF, gli individui hanno accesso a un portafoglio diversificato di società operanti nel settore dei semiconduttori. Il fondo segue l'andamento di un indice specifico relativo ai semiconduttori che comprende le società che si occupano della produzione di semiconduttori, chip, materiali per semiconduttori e attrezzature correlate.

Uno dei principali vantaggi dell'investimento in questo fondo è la possibilità di ottenere un'esposizione all' intero settore dei semiconduttori senza dover selezionare i singoli titoli. Ciò elimina la necessità di effettuare ricerche approfondite e riduce il rischio associato all'investimento in una singola società. Il fondo offre un'ampia esposizione al mercato, consentendo agli investitori di beneficiare del potenziale di crescita di più società operanti nel settore dei semiconduttori.

Grafico

Il grafico dei due fondi è molto simile, con una differenza di prezzo. In questo caso, il prezzo è elevato perché le stesse società di semiconduttori stanno crescendo e registrando buone performance. Nvidia $NVDA-1.3% comunicherà i suoi risultati oggi stesso. Questo sarà un altro trampolino di lancio per il futuro movimento dei prezzi.

$SMH-1.1%

Conclusione

Personalmente mi piace il settore dei semiconduttori, ma al momento è troppo costoso per me. Ho negoziato solo titoli come $NVDA-1.3% e $INTC-1.7%. È vero che Buffett ha venduto la sua posizione in $TSM-0.9%, ma il motivo principale era il rischio geopolitico. Personalmente non investirei nemmeno lì e preferirei utilizzare il capitale altrove.

Ma si tratta comunque di un settore del futuro e i principali operatori del mercato non scompariranno dalle classifiche. Già oggi si possono acquistare a prezzi decenti. Ad esempio, Intel $INTC-1.7% è per me molto sottovalutata e con il suo dividendo ha realizzato alcune percentuali interessanti grazie al suo prezzo basso.

Attenzione.

Questa non è una consulenza finanziaria. Sto fornendo dati disponibili al pubblico e condividendo le mie opinioni su come mi comporterei in queste situazioni. Investire è rischioso e ognuno è responsabile delle proprie decisioni.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.