S&P 500 ^GSPC
5,088.8
+0.03%
Tesla TSLA
$191.97
-2.76%
Apple AAPL
$182.52
-1.00%
Meta META
$484.03
-0.43%
Nvidia NVDA
$788.17
+0.36%
Microsoft MSFT
$410.34
-0.32%
Amazon AMZN
$174.99
+0.23%
Alphabet GOOG
$145.29
-0.02%

Un accordo provvisorio è sul tavolo, gli Stati Uniti sono in bancarotta per ora.

Ciriaco Lecce
28. 5. 2023
5 min read

I repubblicani della Camera dei Rappresentanti hanno raggiunto un accordo provvisorio con la Casa Bianca per trattare il tetto del debito del Paese ed evitare il default.

  • Il presidente della Camera Kevin McCarthy ha dichiarato che l'accordo include "tagli storici alla spesa" e che intende portarlo al voto della Camera mercoledì.
  • Il Presidente Joe Biden ha detto che "rappresenta un compromesso, il che significa che non tutti ottengono ciò che vogliono".

"Abbiamo un accordo di principio", ha dichiarato sabato in Campidoglio il presidente della Camera dei Rappresentanti Kevin McCarthy. "Abbiamo ancora molto lavoro da fare, ma credo che questo sia un accordo di principio degno del popolo americano".

Sabato McCarthy ha detto di aver parlato due volte del piano con il Presidente Joe Biden. "Mi aspetto di finire di scrivere il disegno di legge, di verificarlo con la Casa Bianca e di parlare di nuovo con il Presidente domani pomeriggio", ha detto il repubblicano californiano, "poi pubblicherò il testo domani e lo voterò mercoledì ".

L'accordo prevede una riduzione storica dei costi e riforme importanti, che faranno uscire le persone dalla povertà e le inseriranno nel mondo del lavoro e limiteranno la portata del governo. Non ci sono nuove tasse né nuovi programmi governativi.

Biden ha definito l'accordo "un importante passo avanti che riduce la spesa proteggendo al contempo i programmi critici per i lavoratori e facendo crescere l'economia per tutti". L 'accordo protegge le mie priorità chiave e i risultati legislativi dei Democratici al Congresso", ha detto Biden, aggiungendo che "rappresenta un compromesso, il che significa che non tutti ottengono ciò che vogliono".

La Casa Bianca ha invitato tutti i democratici a partecipare a un briefing virtuale nel pomeriggio, presumibilmente per spiegare i contenuti dell'accordo ed esortare i democratici a votare a favore.

Gli annunci hanno segnato l'inizio di un'azione di lobbying da parte dei leader di Camera e Senato di entrambi i partiti per convincere i loro membri a votare a favore del pacchetto, che dovrà ottenere un numero sufficiente di voti alla Camera, controllata dai repubblicani, e al Senato, controllato dai democratici, per innalzare il tetto del debito degli Stati Uniti in tempo per rispettare la scadenza del 5 giugno.

Almeno un senatore, il repubblicano dello Utah Mike Lee, ha già minacciato di usare le manovre procedurali del Senato per bloccare il più a lungo possibile la proposta sul tetto del debito se non ne gradisce il contenuto.

Votare per l'innalzamento del limite del debito non autorizza ulteriori spese governative. Si limita aconsentire al Dipartimento del Tesoro di far fronte agli obblighi che sono stati approvati dal Congresso in passato, alcuni dei quali decenni fa. Tuttavia, molti repubblicani hanno iniziato a considerare il voto di due anni per aumentare il limite del debito come un'opportunità per estorcere concessioni ai democratici in cambio dei loro voti per evitare il default sul debito.

I repubblicani stanno cercando di usare la loro influenza e la minaccia implicita di un fallimento per raggiungere un obiettivo politico separato e a lungo termine. Costringere il governo a tagliare la spesa discrezionale. In questo caso, McCarthy vuole che la spesa di base per il 2024 sia riportata ai livelli del 2022, ma insiste anche sul fatto che la spesa per la difesa - che rappresenta oltre il 30% - sia isolata da qualsiasi taglio. Ciò significa che tutto il resto dovrebbe essere tagliato ulteriormente per riportare il totale ai livelli del 2022.

I repubblicani vogliono l'approvazione di un disegno di legge che includa, come minimo, tagli di base alla spesa pubblica, nuovi requisiti lavorativi per l'assistenza pubblica, la riforma dei permessi energetici e l'eliminazione dei fondi di emergenza Covid non spesi.

L'ultima spinta per un accordo ha avuto luogo ieri, nonostante le indicazioni aggiornate dal Dipartimento del Tesoro venerdì pomeriggio che hanno fissato la scadenza al 5 giugno. McHenry, il principale negoziatore che ha elogiato il Segretario al Tesoro Janet Yellen come "una donna di principio che è fedele alla legge", ha dichiarato ai giornalisti che la nuova data ha messo a tacere ogni dubbio sulla data del default. "Ora lo sappiamo e questo ci mette sotto ulteriore pressione", ha dichiarato.

La Yellen ha spiegato che l'agenzia ha avuto "una stima di 130 miliardi di dollari di pagamenti e trasferimenti " nei primi due giorni di giugno. Nella settimana del 5 giugno, il Tesoro avrà "una stima di 92 miliardi di dollari in pagamenti e trasferimenti", ha scritto la Yellen in una lettera pubblica al presidente della Camera dei Rappresentanti Kevin McCarthy.

Ecco quindi quello che stavamo aspettando, quindi non è ancora tutto finito ma è comunque una buona notizia e sicuramente porterà più calma sui mercati. Ad ogni modo, personalmente ritengo che questa situazione sarà solo temporanea, in quanto porterà una crescita del mercato. I numeri successivi sulla forza dell'economia aumenteranno e con essi anche l'inflazione e questo darà spazio alla Fed per aumentare i tassi di interesse. Su internet si legge già che questo non fa altro che "allontanare" il problema e che la tanto chiacchierata recessione potrebbe arrivare nella seconda metà di quest'anno.





Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.