S&P 500 ^GSPC
5,137.08
+0.80%
Nvidia NVDA
$822.79
+4.00%
Meta META
$502.30
+2.48%
Alphabet GOOG
$138.10
-1.20%
Amazon AMZN
$178.22
+0.83%
Apple AAPL
$179.63
-0.62%
Microsoft MSFT
$415.50
+0.45%
Tesla TSLA
$202.64
+0.38%

Mi sono imbattuto in un'interessante intervista a Štěpánek Hájek (analista di XTB) sugli ultimi eventi di mercato.

Prima di tutto, ovviamente, si trattava di un titolo da tabloid: "L'ultimo rialzo dei mercati azionari potrebbe essere la calma prima della tempesta", ma poi l'intervista era piuttosto piacevole.

Cosa è stato detto nell'intervista:
L'indice S&P 500 è al di sopra di 4.200. Secondo Hayek, potrebbe trattarsi della calma prima della tempesta, dato che la Fed e la BCE si riuniscono questa settimana e sono in arrivo anche i dati sull'inflazione del mese scorso.

L'andamento dell'inflazione potrebbe non essere così netto. In alcuni Paesi (il Canada ne è un esempio), sembra che i consumatori abbiano superato i mesi peggiori e che, di conseguenza, la domanda di beni stia aumentando (e con essa la crescita dei prezzi).

Gran parte del mercato ha subito una rottura al rialzo e quindi non è facile trovare titoli a prezzi ragionevoli nel breve periodo. Tuttavia, secondo Hajek, tali titoli includono Expedia e Starbucks. Un titolo stabile è Union Pacific, ad esempio.

Hájek: Una possibile nuova forte domanda di titoli di Stato statunitensi è un rischio certo per il mercato azionario. L'allontanamento delle preoccupazioni sul tetto del debito potrebbe liberare le mani del governo per l'emissione di nuovo debito.

Hájek: Nel primo trimestre l'economia europea non ha rispettato le aspettative ottimistiche. Ciò è legato anche alla più debole ripresa dell'economia cinese. Anche per questo ritengo che le azioni tedesche, ad esempio, siano state leggermente in anticipo rispetto ai tempi e ai fondamentali.

Stepan Hajek analizza la "tempesta" che circonda le azioni di Coinbase Global. Secondo Hajek, il prezzo delle azioni della società al di sotto dei 10 dollari potrebbe essere in gioco.

I prezzi del gas naturale in Europa sono scesi notevolmente. In futuro, il rischio potrebbe essere, ad esempio, la componente variabile dei contratti con i fornitori del Qatar, che potrebbero dirottare parte delle loro forniture altrove se i prezzi offerti sono più alti.

Intervista completa qui

Pensa che qualcuno sappia davvero se siamo già fuori dai guai, o pensa anche che non lo siamo e che siano solo ciarlatani? :-)

Vote to see the results! 0 answers already!

No comments yet