S&P 500 ^GSPC 5,307.36 +0.05%
Nvidia NVDA $1,139.39 +7.02%
Tesla TSLA $176.15 -1.72%
Alphabet GOOG $177.60 +0.72%
Apple AAPL $191.10 +0.59%
Microsoft MSFT $428.95 -0.28%
Meta META $477.53 -0.14%
Amazon AMZN $180.88 +0.07%

Wall Street prevede una recessione nel 2023. Ecco le ragioni per cui

I timori di una recessione incombente cominciano ad assumere contorni molto reali. Non si tratta più di grida nel buio, ma di cause fondate, siano esse economiche, geopolitiche o storiche. Diamo un'occhiata più da vicino ai motivi per cui dovremmo essere preoccupati per la recessione, che, secondo alcune previsioni, dovrebbe colpire già l'anno prossimo.

Ci sono diverse ragioni per pensare che una recessione sia in arrivo.

La storia che si ripete?

In un recente articolo del Washington Post, l'ex segretario al Tesoro americano Lawrence Summers ha sottolineato che le attuali condizioni economiche ricordano innegabilmente i precedenti periodi pre-crisi della storia degli Stati Uniti.

Negli ultimi 75 anni, ogni volta che l'inflazione ha superato il 4% e la disoccupazione è scesa sotto il 5%, l'economia americana è andata in recessione entro due anni", ha scritto Summers.

Oggi, il tasso d'inflazione degli Stati Uniti è vicino all'8% e il tasso di disoccupazione è sceso solo al 3,6% a marzo. Di conseguenza, Summers vede ora una probabilità dell'80% di una recessione negli Stati Uniti entro il prossimo anno.

Inversione della curva di rendimento

Gary Pzegeo, capo del reddito fisso presso la divisione US Private Wealth di CIBC, ha detto che crede che la maggior parte delle attuali previsioni di recessione siano basate su ''segnali di mercato'' come la recente, sebbene breve , inversione della curva dei rendimenti.

https://www.youtube.com/watch?v=PKYiGsoYm7o&ab_channel=TDAmeritrade

Il boom dei prezzi delle materie prime, la decisione della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse e gli effetti della guerra in Ucraina sulla crescita economica globale possono essere responsabili del recente appiattimento della curva dei rendimenti, dice Pzegeo. E quando si è invertito, ha alimentato i timori di una recessione.

Dopo tutto, l'inversione della curva dei rendimenti 2s/10s - doveil rendimento dei titoli di stato biennali a breve termine supera il rendimento dei titoli di stato decennali a lungo termine - ha previsto ogni recessione dal 1955, con un solo falso segnale registrato in quel periodo. La durata media di una recessione dopo l'inversione della curva dei rendimenti è tra i 6 e i 24 mesi, il che corrisponde alla fine del 2023.

Inflazione, guerra, crescita lenta

Gli economisti della Deutsche Bank vedono ora una recessione in arrivo anche per la fine del 2023.

Due shock negli ultimi mesi, la guerra in Ucraina e il crescente slancio dell'inflazione elevata negli Stati Uniti e in Europa, ci hanno spinto ad abbassare significativamente le nostre previsioni di crescita globale", ha scritto martedì un team della Deutsche Bank guidato dall'economista David Folkerts-Landau. Ora ci aspettiamo una recessione negli Stati Uniti nei prossimi due anni".

Gli economisti hanno avvertito che la guerra in Ucraina ha interrotto le catene di approvvigionamento globale e ha aumentato drammaticamente i prezzi delle materie prime e i costi energetici negli Stati Uniti e nell'UE.

Pzegeo della CIBC ha detto che l'inflazione può spesso portare anche alla distruzione della ricchezza, specialmente se l'aumento dei prezzi al consumo supera la crescita dei salari.

Si comporta come una tassa. Quindi dategli un po' di tempo nell'economia e divorerà la vostra ricchezza e porrà le basi per una recessione", ha detto.

Le recenti previsioni del PIL del Conference Board hanno anche portato alla preoccupazione che una recessione possa essere all'orizzonte. Ora, la crescita reale del PIL degli Stati Uniti dovrebbe rallentare ad un tasso annuale di appena l'1,7% nel primo trimestre del 2022, mentre il 7% di crescita annuale è stato registrato nel quarto trimestre del 2020.

E la Fed?

Dall'inizio della pandemia, la banca centrale ha sostenuto l'economia statunitense mantenendo i tassi d'interesse vicini allo zero per aiutare a stimolare i prestiti. Ha anche inondato i mercati del debito degli Stati Uniti con denaro contante per stimolare l'attività economica attraverso il quantitative easing (QE).

Ora, con la moderazione pandemica che si allontana e l'inflazione che si libra ai massimi mai visti in quattro decenni, la Fed affronta un compito difficile: assicurare un cosiddetto atterraggio morbido per l'economia statunitense. L'obiettivo è quello di aumentare i tassi di interesse e terminare il QE per raffreddare la crescita economica e combattere l'inflazione - il tutto senza innescare una recessione.

La leggenda degli investimenti Carl Icahn - fondatore e presidente di Icahn Enterprises, la cui fortuna è stimata in più di 15 miliardi di dollari - ha detto in un'intervista di marzo che crede che la Fed non possa farlo.

''Non so davvero se possono orchestrare un atterraggio morbido'', ha detto Icahn. Penso che ci sarà un atterraggio duro".

Il miliardario crede che l'economia americana sia diretta verso una recessione ''o peggio'' entro la fine del prossimo anno, e gli economisti della Deutsche Bank sono d'accordo con lui.

Non crediamo che la Fed raggiungerà un atterraggio morbido". Invece, ci aspettiamo che una stretta monetaria più aggressiva faccia precipitare l'economia nella recessione", hanno scritto gli economisti della banca, guidati da Matthew Luzzetti, in una recente nota.

Qual è la sua opinione? Pensa che la paura di una recessione sia reale? Pubblicalo qui sotto nei commenti 😉. Aspetto i vostri commenti. Se sei interessato al mio articolo, sentiti libero di lanciare un follow. Grazie per aver letto 😁.

Disclaimer: Questa non è una raccomandazione di investimento. Ispirato dal testo di Will Daniel.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet