S&P 500 ^GSPC
4,967.23
-0.88%
Nvidia NVDA
$762.00
-10.00%
Meta META
$481.07
-4.13%
Amazon AMZN
$174.63
-2.56%
Tesla TSLA
$147.02
-1.94%
Microsoft MSFT
$399.12
-1.27%
Apple AAPL
$165.00
-1.22%
Alphabet GOOG
$155.72
-1.10%

Una nuova ed entusiasmante IPO che potrebbe approdare alla Borsa di New York a settembre.

Loreto Ricchetti
9. 8. 2023
3 min read

ARM Holdings, azienda britannica di tecnologia informatica, dal 2016 è interamente di proprietà del Gruppo Softbank.

Fondata nel 1981 e con sede a Tokyo,SoftBank = holding multinazionale giapponese ha un curriculum piuttosto interessante. Ha la piena proprietà di ARM Holdings, Fortress Investment Group, Boston Dynamics e possiede anche partecipazioni in Alibaba Group, Uber, Didi Chuxing tra gli altri.

E ora veniamo ad ARM, che sta cercando di quotarsi alla Borsa di New York a settembre e spera di raccogliere la cifra record di 10 miliardi di dollari. L'azienda è stata fondata nel 1990 da Acorn Computers, Apple Computer e VLSI Technology per sviluppare i processori RISC di ARM, utilizzati per la prima volta nei computer Acorn Archimedes e oggi utilizzati principalmente nei telefoni cellulari e nei sistemi embedded.

Un tempo era uno degli attori più importanti nel settore dei processori per telefoni cellulari, visto che il 98% dei telefoni cellulari venduti nel 2007 conteneva almeno un processore ARM. L'attività prosegue tuttora nel suo intento.

SoftBank, che ha acquistato l'ex blue-chip nel 2016, spera di raccogliere fino a 10 miliardi di dollari in azioni del progettista di microchip dopo la quotazione in borsa di Arm a settembre, una cifra record per un'azienda britannica.

Fonti del settore hanno detto che SoftBank ha contattato diversi clienti per valutare il loro interesse a investire. Reuters ha riportato per prima l'interesse di Amazon, che avrebbe contattato tutti i clienti, tra cui Apple, Samsung e la società madre di Google, Alphabet.

Amazon $AMZN-2.6% sta quindi valutando la possibilità di diventare un importante azionista di ARM, il che non farebbe che consolidare l'importanza della tecnologia dei semiconduttori per il rivenditore online, la cui divisione di infrastrutture Internet in rapida crescita, Amazon Web Services, si è dimostrata altamente redditizia. Fino a quel momento si basava in gran parte sulla tecnologia della rivale Arm di Intel.

Michael Dimelow, ex dipendente di Arm e investitore di Bloc Ventures, ha dichiarato che Amazon è "il più grande utente e grossista di computer del pianeta, per lo più basati su Intel".

Ha affermato che attualmente i suoi data center sono "per lo più basati su Intel... quindi se passano al 50:50 tra Arm e Intel, Arm vince ".

Ha poi aggiunto che l'investimento permetterà ad Amazon di"vincere facendo guadagnare più soldi ad Arm", mentre "Arm vincerà avendo Amazon come cliente chiave".

Ma a complicare le cose, martedì ARM ha rivelato che le sue entrate e i suoi profitti sono diminuiti prima della quotazione in borsa, a causa del rallentamento del settore dei microchip. Una carenza di forniture dopo la pandemia ha causato un calo della domanda di nuovi semiconduttori, colpendo le sue vendite. Il fatturato dei tre mesi terminati a giugno è sceso del 10,8% a 619 milioni di dollari, finendo in rosso dopo aver registrato un utile nello stesso periodo dell'anno precedente. Le spedizioni globali di semiconduttori, compresa la tecnologia Arm, sono scese del 6,4% nel trimestre.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.