S&P 500 ^GSPC 4,973.19 +0.12%
Tesla TSLA $140.54 -4.43%
Nvidia NVDA $773.47 +1.51%
Meta META $474.07 -1.46%
Microsoft MSFT $396.44 -0.67%
Apple AAPL $165.20 +0.12%
Alphabet GOOG $155.88 +0.10%
Amazon AMZN $174.66 +0.02%

Best Buy $BBY-1.9%, il rivenditore di elettronica statunitense, ha pubblicato i risultati del secondo trimestre. Le vendite comparabili sono diminuite del 6,2% rispetto a un anno fa.

I risultati

Le vendite comparabili a livello aziendale sono diminuite del 6,2%, rispetto al calo del 12,1% di un anno fa e alle stime degli analisti che prevedevano un calo del 6,38%.

Le vendite negli Stati Uniti sono diminuite del 7,1% rispetto all'anno precedente, soprattutto a causa del calo delle vendite comparabili, scese del 6,3%. Si tratta del calo più basso dall'inizio del 2022, quindi potrebbe essere la prima rondine della svolta dell'azienda. Gli elettrodomestici, gli home theater, i computer e i telefoni cellulari sono stati i maggiori responsabili del calo, mentre i giochi sono cresciuti. Le vendite online negli Stati Uniti sono state di 2,76 miliardi di dollari, in calo del 7,1% su base comparabile.

Variazione percentuale delle vendite paragonabili negli Stati Uniti Fonte.

Il margine lordo negli Stati Uniti è stato del 23,1% rispetto al 22% di un anno fa.

Il segmento Internazionale ha generato vendite per 693 milioni di dollari. Le vendite internazionali sono state pari a 6969 milioni di dollari, in calo dell'8,8% rispetto all'anno precedente. Questo calo è dovuto principalmente a una diminuzione del 5,4% delle vendite comparabili e a un impatto negativo di circa 340 punti base dovuto alle variazioni valutarie. L'utile operativo del segmento internazionale è stato di 19 milioni di euro. L'utile operativo del segmento internazionale è stato di 19 milioni di dollari, pari al 2,7% del fatturato, in calo rispetto ai 28 milioni di dollari dell'anno precedente. 28,5 milioni di dollari con un margine del 3,7%.

Nel secondo trimestre, l'azienda ha restituito 279 milioni di dollari ai propri azionisti, 200 milioni di dollari attraverso i dividendi e 79 milioni di dollari attraverso il riacquisto di azioni.

Le prospettive

Il direttore finanziario della società ha commentato le prospettive: "A maggio abbiamo detto che ci stavamo preparando a una serie di scenari all'interno della nostra gamma di indicazioni annuali. Oggi abbassiamo la fascia alta delle nostre previsioni di fatturato al precedente punto medio, mentre la fascia bassa rimane invariata. Allo stesso tempo, stiamo restringendo l'intervallo di redditività, aumentando di fatto il punto medio della nostra precedente previsione annuale per l'utile operativo rettificato e l'utile per azione rettificato. In particolare, per il terzo trimestre prevediamo vendite comparabili leggermente migliori rispetto al -6,2% registrato nel secondo trimestre e un margine operativo rettificato di circa il 3,4%".

Quindi, per l'anno fiscale 2024 di 53 settimane, l'azienda prevede un fatturato compreso tra 43,8 e 44,5 miliardi di dollari, mentre in precedenza si aspettava un range tra 43,8 e 45,2 miliardi di dollari; la stima degli analisti è di 44,22 miliardi di dollari. L'azienda prevede che le vendite comparabili saranno inferiori del 4,5%-6% rispetto a un anno fa, mentre in precedenza si aspettava un calo compreso tra il 3% e il 6%.

Si aspetta un margine operativo rettificato per l'esercizio 24 del 3,9%-4,1%, mentre la stima precedente era del 3,7%-4,1%. Il consenso degli analisti è per un calo del 4,3%.

Su base rettificata, la società prevede un utile per azione compreso tra i 6 e i 6,4 dollari, rispetto alle precedenti aspettative di 5,70-6,50 dollari e alle attese degli analisti di 6,06 dollari.

Commento dell'amministratore delegato

L'amministratore delegato Corie Barry ha commentato i risultati: "Oggi riportiamo risultati del secondo trimestre che si collocano nella fascia alta della guidance che abbiamo condiviso a maggio e una redditività superiore alle aspettative. [...] Questi risultati dimostrano le nostre solide capacità operative, grazie all'equilibrio tra la risposta alle attuali pressioni sui ricavi e i continui investimenti strategici. I nostri risultati sono stati superiori alle aspettative e riflettono il settore dell'elettronica di consumo, che continua a essere sotto pressione a causa dell'eccesso di domanda degli anni precedenti e di vari fattori macroeconomici che tutti conosciamo. Tuttavia, ci aspettiamo che quest'anno si sia toccato il fondo dopo due anni di calo delle vendite. L'anno prossimo il mercato dell'elettronica di consumo dovrebbe stabilizzarsi e forse addirittura crescere, grazie ai naturali cicli di miglioramento e rinnovamento e alla normalizzazione dell'innovazione tecnologica..."

BBY
$74.71 -$1.44 -1.89%



No comments yet