S&P 500 ^GSPC
5,123.41
-1.46%
Nvidia NVDA
$881.95
-2.67%
Meta META
$511.90
-2.15%
Tesla TSLA
$171.05
-2.03%
Amazon AMZN
$186.13
-1.54%
Microsoft MSFT
$421.90
-1.41%
Alphabet GOOG
$159.19
-1.00%
Apple AAPL
$176.55
+0.86%

Instacart, una società di consegna di generi alimentari online, sta per sfidare gli intermediari al dettaglio. Si tratta di un test per verificare l'appetito degli investitori per le società di gigantismo.

Instacart, con sede a San Francisco e registrata come Maplebear, inizierà a essere negoziata martedì con il nome di "CART" e, come la maggior parte delle IPO, quoterà la sera prima della quotazione in borsa e festeggerà la quotazione con i suoi dipendenti, ha dichiarato a Barron's una persona vicina all'azienda.

Nel deposito di venerdì Instacart ha indicato una valutazione di 9,6 miliardi di dollari a metà strada, valutando le sue unità tra i 28 e i 30 dollari. La sua nuova valutazione riflette un cambiamento nello slancio del mercato rispetto alla valutazione di 24 miliardi di dollari dello scorso marzo, dopo una valutazione di 39 miliardi di dollari stabilita in ritardo in un round di venture capital un anno prima.

Quanto gli investitori del mercato pubblico pagheranno per Instacart dipende in parte dalla loro fiducia nella futura espansione e redditività della cosiddetta gig economy. L'azienda, che si avvale di appaltatori per consegnare la spesa a domicilio, chiede da 3,64 a 3,9 dollari per dollaro di fatturato nel 2022, sulla base del prezzo delle azioni e degli utili.

La società più vicina, DoorDash (DASH), ha un rapporto prezzo/ricavi di 4,2 volte i ricavi futuri. Altre società di servizi di trasporto a distanza hanno rapporti più bassi: Uber 2,8 volte i ricavi e Lyft 1 volta i ricavi. Il rapporto prezzo-vendite è un modo utile per valutare le startup perché i loro risultati economici sono ancora in evoluzione.

"Direi che questa valutazione è corretta", ha scritto Matthew Tuttle di Tuttle Capital Management in un'e-mail a Barron's. L'amministratore delegato della società di consulenza utilizza settimanalmente l'applicazione Instacart e ritiene che questa possa trarre vantaggio da un aumento dei furti nei negozi e nei magazzini e da una potenziale rinascita di Covid-19. "Potrebbe essere un colpo di fortuna".

Instacart, fondata nel 2012, ha registrato un fatturato di 2,55 miliardi di dollari l'anno scorso, con un aumento del 39% rispetto all'anno precedente. Quasi tre quarti delle entrate erano costituite dalle commissioni pagate dai rivenditori e dai clienti, comprese quelle per il programma di abbonamento premium Instacart+. Il resto proviene da Instacart Ads, un'offerta relativamente nuova ma cruciale sviluppata sotto la guida dell'amministratore delegato Fidji Sim, ex dirigente di Meta Platforms (ticker: META) nominato nel 2021.

L'anno scorso l'attività pubblicitaria è aumentata di circa il 30% rispetto all'anno precedente. I partner di vendita al dettaglio in genere firmano contratti di durata inferiore a un anno e pagano Instacart sulla base di clic, impressioni pubblicitarie o come tariffa fissa per la durata del contratto, secondo quanto riportato nel documento. Nei suoi documenti, Instacart ha definito la pubblicità "altamente redditizia", ma ha affermato che i futuri introiti pubblicitari potrebbero fluttuare perché il successo dipende dalla capacità di scalare acquisendo nuovi marchi, clienti ed espandendosi in altri mercati.

"L'attività pubblicitaria sta appena decollando e resta da vedere quanto bene farà", ha detto il professore di management della Wharton School David Hsu, definendo Instacart "un'operazione ambiziosa con molte incertezze".

L'azienda di consegne alimentari ha registrato perdite nel 2020 e nel 2021. L'anno scorso l'utile netto è stato di 428 milioni di dollari, ma più di tre quarti del profitto derivava da quello che è stato descritto come un beneficio fiscale.

Tuttavia, l'entusiasmo per l'offerta pubblica iniziale di Arm Holdings (ARM), che ha visto il titolo salire del 10% all'apertura delle contrattazioni la scorsa settimana, e le nuove quotazioni in generale potrebbero aiutare Instacart a ottenere il valore desiderato o più martedì.



No comments yet