S&P 500 ^GSPC
5,123.41
-1.46%
Nvidia NVDA
$881.95
-2.67%
Meta META
$511.90
-2.15%
Tesla TSLA
$171.05
-2.03%
Amazon AMZN
$186.13
-1.54%
Microsoft MSFT
$421.90
-1.41%
Alphabet GOOG
$159.19
-1.00%
Apple AAPL
$176.55
+0.86%

I primi dieci titoli al mondo per valore di mercato hanno più influenza sui mercati dei capitali che mai, e questo potrebbe essere un male, secondo Ned Davis Research.

I primi 10 nomi per capitalizzazione di mercato nell'indice All Country World (ACWI) rappresentano ora quasi un quinto, o il 19%, del valore del benchmark, un record in termini di concentrazione, secondo un rapporto di lunedì della società di Wall Street.

Non solo sono tutte società statunitensi, ma le prime sette - Alphabet, Apple, Amazon, Meta Platforms, Microsoft, Nvidia e Tesla - sono le solite sospette, che quest'anno hanno registrato enormi rialzi grazie alla mania dell'AI. Apple è salita del 36% quest'anno, mentre Alphabet è salita del 55%.

Ma se la storia è indicativa, questo potrebbe significare acque agitate per gli investitori. Ned Davis ha rilevato che nel 2000 e nel 2021 un mercato ribassista è seguito a forti concentrazioni. Tuttavia, c'è stata un'eccezione nel 2020, quando una manciata di titoli si è espansa per sostenere il mercato toro.

"L'attuale concentrazione porterà a un risultato che ricorda quello del 2020, oppure è un precursore di un mercato orso come quello del 2000 e del 2021?". Tim Hayes, chief global investment strategist della società, ha scritto in una nota di ricerca.

Per rispondere a questa domanda, gli investitori dovranno osservare da vicino come le azioni affronteranno i problemi stagionali a settembre. Se l'attuale trend di crescita sarà sostenuto, le azioni potrebbero ripetere il 2020 e continuare a crescere. Ned Davis tiene traccia della forza aggregata dei principali indicatori a 50 e 200 giorni.

Tuttavia, l'azienda sostiene che le azioni potrebbero entrare in un mercato orso se il rally di quest'anno non si diffonderà a più settori.

"Mentre l'indice ACWI ponderato per le azioni è ancora ben al di sopra del suo equilibrio di rialzo, l'indice ponderato per le azioni è appena al di sopra. Con la sottoperformance dell'indice a parità di peso e l'incapacità dell'aggregato Rally Watch di rimbalzare dal fondo, il mercato sarebbe sempre più esposto a un calo delle mega-capitali", scrive Hayes.

"Tuttavia, se assisteremo a un'avanzata a fine anno con un aumento della partecipazione e una riduzione della concentrazione, avremo un'ulteriore conferma che il mercato toro è ben contenuto e sostenibile", ha aggiunto.

Il mercato azionario è entrato nel suo peggior periodo di dieci giorni di quest'anno

Secondo Bank of America, lunedì il mercato azionario è entrato nel peggior periodo stagionale di quest'anno.

"Il 18 settembre segna l'inizio degli ultimi 10 giorni di settembre, il peggior periodo di 10 giorni dell'anno per [l'indice S&P 500], con l'indice in rialzo del 40% per un rendimento medio del -1,11%", ha scritto martedì Stephen Suttmeier, stratega della ricerca tecnica di Bank of America.

Finora, questa settimana, l'indice S&P 500 è rimasto fedele alla sua forma, con un calo dello 0,6% circa.

UN PERIODO DIFFICILE PER L'S&P 500

Goldman Sachs ha osservato questa settimana che il periodo che va da oggi a ottobre è tipicamente volatile, in quanto i dirigenti delle società sono costretti a fornire aggiornamenti sull'intero anno con l'avvicinarsi della fine del terzo trimestre. Questi primi avvertimenti possono spesso essere negativi.

Oltre alle tipiche tendenze stagionali, mercoledì prossimo gli investitori riceveranno un importante aggiornamento della Federal Reserve, la cui banca centrale è combattuta tra un'inflazione ancora elevata e un'economia in rallentamento. L'economia è inoltre influenzata da una serie di chiusure di lavoratori, dall'aumento dei prezzi del petrolio e dall'incombente chiusura del governo che preoccupa gli investitori.

L'indice S&P 500 era già in rosso nella prima parte di settembre e Suttmeier ha osservato che ciò non rende questo periodo un'opportunità di acquisto.

"Quando i primi 10 giorni o il mese sono al di sotto della media, anche gli ultimi 10 giorni del mese possono essere impegnativi, con l'SPX in rialzo del 41% per un rendimento medio del -1,66%", ha affermato in una nota.

Nonostante il fatto che potrebbe esserci un periodo di debolezza, l'analista tecnico di Bank of America è ancora rialzista nel complesso, a meno che un potenziale pullback non rompa i livelli di supporto chiave che sta osservando. Ad esempio, secondo Suttmeier, l'attuale benchmark di mercato intorno a 4.425 è ancora ben al di sopra della sua media mobile a 200 settimane di 3.914, quindi è ancora in un trend "secolarmente rialzista".


No comments yet