S&P 500 ^GSPC
4,975.57
-0.60%
Nvidia NVDA
$694.52
-4.35%
Tesla TSLA
$193.76
-3.10%
Amazon AMZN
$167.08
-1.43%
Apple AAPL
$181.56
-0.41%
Meta META
$471.75
-0.33%
Microsoft MSFT
$402.79
-0.31%
Alphabet GOOG
$142.20
+0.31%

Inflazione in primo piano: come i nuovi dati complicano i piani della Fed?

Bonaventura Sorrentino
12. 1. 2024
2 min read

L'inatteso aumento dell'inflazione a dicembre ha causato disagio sui mercati e complicato il processo decisionale della Fed. Con i nuovi dati, gli investitori si chiedono se il taglio dei tassi previsto per marzo sia ancora realistico.

Il rapporto sull'inflazione ha portato colpi di scena inaspettati, complicando i piani della Fed. L'inflazione statunitense è aumentata del 3,4% rispetto a un anno prima, un incremento superiore alle aspettative. Questo crea un'altra sfida per i funzionari della Fed che cercano di determinare il momento giusto per tagliare i tassi di interesse.

Escludendo le categorie volatili di cibo ed energia, l' inflazione "core" è scesa al 3,9%, inferiore al 3,8% previsto. Questi numeri inaspettati potrebbero significare che un taglio dei tassi a marzo non è così certo come si pensava inizialmente.

"Marzo è troppo presto per un taglio dei tassi. Il rapporto CPI mostra che la banca centrale ha ancora del lavoro da fare in termini di contenimento dell'inflazione".

Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland

Sebbene l'inflazione sia stata più lieve rispetto al periodo precedente, è ancora a un livello relativamente alto. L' inflazione core è scesa al 3,9%, in netto calo rispetto al 5,6% dell'inizio dello scorso anno, ma richiede comunque un approccio cauto da parte della Fed.

"Il primo taglio dei tassi potrebbe arrivare più tardi di quanto il mercato si aspetti".

Jerome Powell, presidente della Fed

Questa posizione contraddice le aspettative degli investitori, che prevedono fino a sei tagli dei tassi quest'anno, a partire da marzo.

Altri membri della Fed sottolineano la cautela e chiedono maggiori prove del calo dell'inflazione prima di prendere decisioni sui tassi. Le aspettative di Wall Street, tuttavia, rimangono invariate, con una probabilità del 61% che la Fed tagli i tassi a marzo.

Nel complesso, i nuovi dati sull'inflazione creano incertezza sui piani di taglio dei tassi della Fed.

Disclaimer: su Bulios si possono trovare molte ispirazioni, ma la selezione dei titoli e la costruzione del portafoglio spetta a voi, quindi fate sempre un'analisi approfondita per conto vostro.

Fonte.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.