S&P 500 ^GSPC 5,010.6 +0.87%
Nvidia NVDA $795.18 +4.35%
Tesla TSLA $142.05 -3.40%
Amazon AMZN $177.23 +1.49%
Alphabet GOOG $157.95 +1.43%
Apple AAPL $165.84 +0.51%
Microsoft MSFT $400.96 +0.46%
Meta META $481.73 +0.14%

I titoli guidati da Apple potrebbero avere grossi problemi, a seconda della serrata in Cina.

Se pensavate che i vostri titoli preferiti stessero ''solo'' scendendo a causa dell'aumento dei tassi d'interesse, dell'inflazione e della guerra, potreste esservi sbagliati. Nell'ultimo mese siamo stati bombardati da notizie provenienti dalla Cina, dove il coronavirus ha continuato a imperversare. Apple e molte altre aziende dovranno affrontare problemi significativi se non cambieranno rapidamente la loro strategia di produzione e di vendita. Forse c'è una possibilità di salvezza, dopo tutto...

Se la vostra attenzione è arrivata a questo punto, vi presenterò innanzitutto la situazione e i titoli che potrebbero subire un trimestre significativamente più debole.

Il terreno interno della Cina è da tempo ostacolato da un'altra ondata di coronavirus che sta causando un peggioramento dei risultati economici per la Cina stessa, per i titoli nazionali e anche per i titoli guidati da oltreoceano (Stati Uniti).

In primo luogo, elencherò gli indicatori che stanno facendo naufragare l'economia cinese questo mese:

  • Le vendite al dettaglio in aprile sono diminuite dell'11,1% rispetto a un anno prima, con un calo superiore al 6,1%.
  • La produzione industriale è scesa del 2,9% ad aprile rispetto a un anno prima, contrariamente alle aspettative di un leggero aumento dello 0,4%.
  • Il tasso di disoccupazione nelle 31 città più grandi della Cina è salito a un nuovo massimo del 6,7% in aprile.
  • La capitale Shanghai non conferma ancora un miglioramento della situazione covide e qualche possibile miglioramento. Di conseguenza, anche la produzione delle nostre famose aziende, Tesla, Apple e molte altre, che presenterò di seguito, si sta riducendo in modo massiccio.

Quali titoli statunitensi potrebbero essere soggetti a pressioni provenienti dalla Cina?

1.Nike $NKE-0.4%

  • Non solo $NKE-0.4% sta affrontando una maggiore concorrenza in Cina, ma è anche possibile che la produzione venga colpita più duramente e che quindi i profitti vengano ridotti.
  • Innumerevoli aziende statunitensi fanno affidamento sulla Cina come mercato primario per i loro prodotti, come fonte di produzione o come entrambi. Questo li rende vulnerabili al malessere economico cinese, alle dure restrizioni imposte dalla Cina e a un più ampio ripensamento delle catene di approvvigionamento su cui la Cina fa affidamento.
  • Tuttavia, l'inasprimento delle misure cinesi potrebbe non significare la fine definitiva delle aziende statunitensi in questo mercato. Dopotutto, questo è ancora un mercato enorme e fiorente da molto tempo (a parte ciò che sta accadendo con covid). Tuttavia, nel breve periodo potrebbe danneggiare alcune aziende, ed è per questo che ritengo che Nike possa essere e sarà una di quelle aziende.

2. Texas Instruments $TXN+2.3%

  • Texas Instruments è un'azienda americana che produce circuiti integrati e apparecchiature informatiche.
  • Ma per noi l'informazione chiave è: quante entrate genera dalla Cina?

- La risposta corretta è 55%, una percentuale devastante per un mercato incerto in questo momento.

3. Apple $AAPL+0.5%

  • Apple ottiene fino al 15% delle sue vendite dal mercato cinese.

Tuttavia, questo potrebbe sottostimare l'esposizione. Apple assembla la maggior parte dei suoi prodotti in Cina, un polo produttivo a basso costo che ha aiutato l'azienda a realizzare profitti e che rappresenta anche il suo secondo mercato di consumo. Questa settimana i dirigenti di Apple hanno avvertito che un'epidemia di Omicron in Cina potrebbe danneggiare i ricavi del trimestre in corso per un importo pari a 8 miliardi di dollari. Il che potrebbe essere una delle ragioni principali dell'attuale crollo di Apple.

Mi piace che Apple sia consapevole della situazione e che l'abbia affrontata fin dall'inizio. Stiamo arrivando a una possibile soluzione del problema, come ho detto all'inizio.

  • Secondo gli osservatori, la dipendenza di Apple dalla Cina rappresenta un rischio potenziale, a causa del regime comunista repressivo di Pechino e dei suoi conflitti con gli Stati Uniti.
  • In questa dipendenza, Apple intende spostarsi dal mercato cinese a quello indiano, dove l'azienda vede condizioni migliori. Le restrizioni sono minime, la popolazione è di livello simile a quella cinese e, soprattutto, la produzione e i salari qui possono essere ancora più vantaggiosi dal punto di vista finanziario.
  • La stessa direzione ammette che questo mercato è simile e finanziariamente vantaggioso per la produzione. Non si tratta di un punto di riferimento assoluto in termini di strutture produttive (Apple ha già radici in India). Si ipotizza che l'80% della produzione venga spostata dalla Cina all'India (come ho detto, SPECULAZIONE).

4. DuPont $DD+0.0%

  • DuPont è una holding americana del settore chimico, nucleare e degli armamenti con aziende che producono vernici, fibre sintetiche, nylon, esplosivi, carburante per motori a razzo, reattori nucleari.
  • $DD+0.0% è nel bel mezzo di una svolta, con l'amministratore delegato Ed Breen che ha ceduto diverse attività e ne ha acquistate di nuove per trasformare l'azienda di materiali speciali in una multisettoriale. Ma l'esposizione alla Cina e le catene di approvvigionamento compresse stanno offuscando le prospettive a breve termine, come dimostra il calo del 18% di quest'anno.

5. Tesla $TSLA-3.4%

  • Naturalmente $TSLA-3.4% non può mancare in questo elenco, grazie al suo grande impianto di produzione di automobili a Shanghai.
  • Le vendite di Tesla sono salite alle stelle in Cina e la sua fabbrica di Shanghai è diventata un importante centro di esportazione per mercati come la Germania e il Giappone. Anche i modelli Tesla Model 3 e Y vengono importati da qui nella Repubblica Ceca. L'anno scorso, le auto Tesla prodotte in Cina hanno rappresentato circa la metà delle 936.000 auto consegnate in tutto il mondo.
  • Sulla base di questi dati, combinati con i tagli alla produzione, è chiaro che le conseguenze saranno ancora una volta spiacevoli per le vendite e la produzione future dell'azienda.

Non si sa ancora nulla di un nuovo piano o di una dichiarazione di Tesla sulla situazione. L'unica novità recente nel collegamento Tesla x Shanghai di cui sono a conoscenza è la costruzione e l'espansione di un impianto di produzione.

Altre aziende che conoscete e che hanno un legame significativo con la Cina: Teradyne, Avery Dennison, Otis e molti altri.

Cina x azioni nazionali

Naturalmente, quando l'economia, il mercato e i titoli azionari che sono spinti verso altri Paesi soffrono, è più che evidente che anche le aziende nazionali soffrono.

Ad esempio, questi titoli:

  1. Alibaba $BABA+2.3% (-23,43%)
  2. JD.com $JD+5.8% (-21,75%)
  3. Nio $NIO+5.3% (-50,88%)
  4. Xpeng $XPEV+0.7% (-53,71%)
  5. Li Auto $2015,HK (-23,54%)

E queste sono solo alcune delle aziende principali che mi vengono in mente. I valori tra parentesi si riferiscono all'inizio del 2022.

Nio, uno dei miei titoli preferiti, adotta il seguente approccio:

  • L'amministratore delegato di Nio afferma che il problema principale è l'interruzione della catena di approvvigionamento, non la domanda. La sfida più grande per Nio è garantire la stabilità della catena di approvvigionamento, ha dichiarato l'amministratore delegato William Li.
  • Per quanto riguarda le vendite, Li ha dichiarato di aspettarsi che la domanda di auto elettriche da parte dei consumatori persisterà, anche se il governo cinese dovesse ridurre i sussidi o altre politiche di sostegno al settore.

Come si può notare, anche le azioni nazionali (in Cina) non stanno vivendo un buon momento e non è detto che la situazione finisca. L'intero articolo si concentra su questo punto: osservate dove la vostra azienda produce i suoi prodotti, dove li vende e quanto li vende. Molti investitori di solito si stupiscono del fatto che questo o quel titolo stia scendendo brutalmente, ma non ne conoscono la causa. Spesso, anche dopo le notizie migliori, questo porta a conclusioni affrettate e, nel peggiore dei casi, a vendere in perdita.

Chi è coraggioso e vede il potenziale di un mercato in calo ha più di un'opzione. Non elencherò qui tutti i tipi di strategie e acquisti, mi limiterò a guidarvi verso un percorso più sicuro. In genere si consiglia di investire in azioni cinesi attraverso gli ETF.

Un modo per minimizzare il rischio dei singoli titoli in Cina è rappresentato dagli ETF. Un altro vantaggio dell'acquisto di ETF è che un numero crescente di società cinesi è quotato a Hong Kong o Shanghai.

Naturalmente, non è solo il covide a frenare lo sviluppo di un'azienda.

Negli ultimi cinque anni, la crescita economica della Cina è rallentata, e il rallentamento maggiore si è verificato nel 2020. Il tasso di crescita medio quinquennale della Cina oggi è solo circa la metà del livello di un decennio fa. La libertà economica in Cina ha raggiunto il suo apice nel 2020, dopo un decennio di graduale crescita. Questi guadagni sono stati ora cancellati, in gran parte a causa del declino dell'efficienza giudiziaria e della salute fiscale, e la Cina è caduta nella categoria "repressa". La libertà commerciale rimane relativamente forte, ma la mancanza di libertà di investimento e di libertà finanziaria costituisce un serio ostacolo alla crescita della produttività e allo sviluppo.

In conclusione, la situazione attuale in Cina non è certamente positiva per nessuna delle aziende citate. Le tendenze e gli indicatori economici in declino, accompagnati da covidenza e politiche normative rigorose, possono causare perdite significative per molte aziende. C'è molta incertezza e paura, e questo non è mai positivo per il mercato. Non sto dicendo di vendere frettolosamente o di comprare furiosamente, il mio consiglio è: Aumentate la vostra prudenza e scoprite bene le informazioni essenziali.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet