S&P 500 ^GSPC 5,069.53 -0.02%
Tesla TSLA $162.50 +12.32%
Amazon AMZN $177.68 -1.04%
Nvidia NVDA $830.62 +0.78%
Apple AAPL $167.57 +0.40%
Microsoft MSFT $408.98 +0.35%
Alphabet GOOG $159.86 -0.03%
Meta META $495.96 -0.03%

Negli Stati Uniti, i prezzi delle case sono aumentati del 39% negli ultimi due anni. Gli investitori in REIT devono…

Negli Stati Uniti, ma anche qui, soprattutto negli ultimi anni, il prezzo degli immobili è in costante aumento. Questo fatto è molto favorevole per gli investitori che erano già coinvolti nel mercato prima dell'aumento dei prezzi. Tuttavia, questo non è ovviamente il caso dei nuovi investitori. La tendenza sta iniziando a invertirsi e a portare a prezzi più bassi? Cosa significa questo per i REIT, ad esempio?

A causa dell'aumento dei prezzi degli immobili, molti paragonano la situazione odierna alla crisi dei mutui del 2008. Cosa c'è di vero in questo?

C'è una bolla nel mercato immobiliare?

Nel 2008 il mercato immobiliare è crollato a causa della crisi economica e molte persone non sono state in grado di pagare mutui che probabilmente non avrebbero dovuto essere concessi.

Ora non è più così. I prezzi delle case potrebbero stabilizzarsi in alcuni mercati con l'attenuarsi della domanda o l'aumento dell'offerta, ma non sembra esserci un catalizzatore a livello nazionale come nel 2008 che provochi lo scoppio generale della bolla immobiliare.

Tuttavia, i prezzi sono stati elevati e potrebbero scendere in alcuni mercati.

"I prezzi sono in forte aumento praticamente ovunque. L'indice dei prezzi delle case di Moody's mostra un aumento del 32% dei prezzi a livello nazionale negli ultimi due anni. La National Association of Realtors riporta un aumento ancora più consistente, pari al 39%", riporta NPR.

Gli economisti hanno dichiarato all'organizzazione giornalistica che i prezzi potrebbero scendere nei mercati più "schiacciati".

Grafico illustrativo dell'andamento dei prezzi delle abitazioni negli ultimi anni, secondo l'indice Case-Shiller, fonte: fred.org

Mi aspetto che i prezzi scendano", ha dichiarato alla NPR il capo economista di Moody's Analytics Mark Zandi. Se mi dicesse che tra due anni i prezzi saranno più bassi del 5, 10, 15 per cento rispetto al picco attuale, sarei d'accordo".

Un crollo non è un crollo

Sebbene il mercato possa calmarsi, un nuovo rapporto di J.P Morgan suggerisce che si tratterà di una riduzione dei prezzi esorbitanti, proprio come Moody's Analytics ha descritto una possibile correzione.

"In questo rapporto di ricerca, evidenziamo specifici focolai di sopravvalutazione nei dati dettagliati sui distretti statunitensi. Ad esempio, i prezzi elevati nonostante l'espansione dell'offerta, come a Denver, Seattle, Washington, D.C., Portland, Oregon, e Boston, suggeriscono un certo rischio di correzione nei modelli di J.P. Morgan. Le città con prezzi incredibilmente alti, come New York e la Baia di San Francisco, suggeriscono la possibilità di una correzione anche in presenza di un'offerta limitata. Tuttavia, al momento non c'è nessun luogo che stia sperimentando la stessa combinazione di prezzi in rapida ascesa, debito in rapido aumento e offerta in espansione che si è vista in alcune aree nel 2006."

Ciò ha senso se si considera la situazione dei prezzi su base storica. "L'indice nazionale dei prezzi nominali delle case è ora del 40% superiore al minimo del 2012 e del 4% al picco raggiunto nel 2006", afferma J.P. Morgan.

La fine dei nuovi massimi e il rallentamento di alcuni mercati non sono paragonabili a quanto accaduto nel 2008. E se il mercato si calma un po', potrebbe portare altri acquirenti diretti o investitori in titoli REIT che finora hanno scelto di starne alla larga.

Disclaimer: ispirato al testo di Daniel Kline.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet