S&P 500 ^GSPC
5,069.82
-0.16%
Alphabet GOOG
$137.43
-1.91%
Nvidia NVDA
$776.63
-1.32%
Tesla TSLA
$202.04
+1.16%
Apple AAPL
$181.42
-0.66%
Meta META
$484.02
-0.62%
Amazon AMZN
$173.16
-0.22%
Microsoft MSFT
$407.72
+0.06%

Allarme sulle azioni di Coinbase: due motivi per cui le azioni potrebbero scendere di un altro 20%

Lo scambio di criptovalute Coinbase $COIN+0.8% ha 2 problemi che potrebbero far crollare il prezzo delle azioni fino a un altro 20%. Questa affermazione è confermata dalla performance di ieri di $COIN+0.8%, inferiore al -10%. Vi illustrerò le due ragioni principali per cui $COIN+0.8% è sceso ieri e perché continuerà a scendere.

Coinbase $COIN+0.8%

Come se non ci fosse già molto fermento intorno alle criptovalute a causa dei cali significativi, dei sell-off delle "balene" e, per finire, del caso Celsius. Coinbase si trova ad affrontare due problemi: 1. La concorrenza sta tagliando le commissioni, il che ha fatto scendere $COIN+0.8% di quasi il 10% ieri. 2. La concorrenza sta riducendo le commissioni. Secondo l'analisi dei volumi di trading, abbiamo motivi per essere preoccupati e per la possibile perdita di trader.

Perché $COIN+0.8%ha perso quasi il 10% ieri?

Le azioni di Coinbase sono scese di quasi il 10% mercoledì dopo che la borsa di criptovalute rivale Binance.US ha dichiarato di voler tagliare alcune commissioni di trading per i clienti.

Binance.US, il ramo statunitense del più grande exchange di criptovalute al mondo per volume di scambi, ha dichiarato che consentirà agli utenti di effettuare scambi di bitcoin a pronti con il dollaro statunitense e le stablecoins tether, USD Coin e Binance USD senza pagare le commissioni di trading a pronti.

Le azioni di $COIN+0.8% sono così scese del 9,7%, mentre Robinhood ha perso meno dell'1%.

La mossa di Binance.US si inserisce in un prolungato periodo ribassista per le criptovalute, che fa parte di un più ampio sell-off degli asset di rischio che si è protratto per tutto l'anno. Lo scorso fine settimana, il bitcoin ha toccato un nuovo minimo del 2022 ed è sceso sotto i 18.000 dollari per la prima volta dal dicembre 2020. A causa dei continui ribassi, i volumi di scambio delle criptovalute stanno diminuendo.

Coinbase si è storicamente basata molto sui volumi di trading per ottenere entrate, ma negli ultimi mesi ha cercato di diversificare i suoi flussi di entrate. Attualmente sta testando un servizio di abbonamento per i clienti chiamato Coinbase One che darebbe loro accesso al trading a zero commissioni fino a 10.000 dollari di transazioni al mese.

Il fenomeno del trading a zero commissioni, introdotto per la prima volta da Robinhood, ha iniziato a colpire il mondo degli investimenti al dettaglio qualche anno fa, quando i principali broker sono passati al trading online senza commissioni, tra cui Charles Schwab, Fidelity Investments, E*Trade Financial, Ally Invest e Interactive Brokers.

Questo fenomeno sta ora colpendo il mondo delle criptovalute, in quanto un numero sempre maggiore di piattaforme di investimento si concentra sulla possibilità di riunire le competenze in materia di negoziazione di azioni e criptovalute in un unico luogo. Robinhood, che ha iniziato a negoziare azioni per gli investitori al dettaglio, ha iniziato a dare priorità al trading di criptovalute per i clienti.

Analisi del volume di trading di Coinbase

Il volume degli scambi su Coinbase si è storicamente mosso in tandem con il prezzo del bitcoin, ma questo schema potrebbe ora rompersi, secondo l'analista Mizuho.

Come le azioni, le criptovalute sono scese negli ultimi sei mesi, con piccoli rimbalzi sparsi nel corso dell'anno. Mizuho ha rilevato che i volumi di trading hanno continuato ad aumentare durante i sell-off, ma "non sono riusciti a impressionare" quando i prezzi delle criptovalute sono aumentati.

L'azienda ha valutato l'andamento dei volumi su Coinbase tra gennaio 2021 e aprile 2022. Gli analisti hanno rilevato che gli investitori potrebbero soffrire di "stanchezza da criptovaluta".

Il volume medio di scambi giornalieri sulla piattaforma $COIN+0.8% nei giorni di ribasso del Bitcoin è stato superiore del 15% rispetto ai volumi nei giorni di rialzo del Bitcoin, ha dichiarato. Negli ultimi mesi, tuttavia, i volumi nei giorni di ribasso sono stati del 42% superiori a quelli dei giorni di rialzo, ovvero quasi il triplo del rapporto precedente.

L'impennata dei volumi di trading registrata all'inizio di giugno sembra essersi affievolita. Tra il 9 e il 16 giugno, il bitcoin è sceso da 30.000 a 21.000 dollari. Il volume medio giornaliero di scambi durante questa finestra è stato di 2,5 miliardi di dollari. Da allora, i volumi giornalieri sono stati in media di 1,9 miliardi di dollari, secondo l'analisi della società.

Gli analisti avvertono gli investitori di abbassare nuovamente le aspettative. Mizuho vede un possibile calo fino al 20%, mentre la maggior parte degli analisti stima circa il 15% per i possibili ribassi.

I risultati parlano chiaro:

  • L'EPS del trimestre è stato inferiore alle previsioni degli analisti di 2,72 dollari.
  • Anche il fatturato di 1,17 miliardi di dollari è inferiore alle stime degli analisti (la società si aspettava 1,48 miliardi di dollari) = calo del 35% su base annua.

Finora nulla fa pensare che l'azienda possa riprendersi e fornire valore e profitti positivi agli investitori. Cosa ne pensa? Investite in $COIN+0.8%?

Si noti che questa non è una consulenza finanziaria. Ogni investimento deve essere sottoposto a un'analisi approfondita.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet