S&P 500 ^GSPC 5,010.6 +0.87%
Nvidia NVDA $795.18 +4.35%
Tesla TSLA $142.05 -3.40%
Amazon AMZN $177.23 +1.49%
Alphabet GOOG $157.95 +1.43%
Apple AAPL $165.84 +0.51%
Microsoft MSFT $400.96 +0.46%
Meta META $481.73 +0.14%

"Dovete vendere questo titolo prima che sia troppo tardi", avverte un noto analista. Ha ragione?

Warren Buffett punta molto sulle società energetiche quest'anno. E questo punto di vista deve essere chiaramente preso in considerazione. Ma secondo alcuni analisti, le compagnie energetiche e petrolifere tradizionali non esistono più. Ritengono che sia necessario apportare cambiamenti drastici al portafoglio, tra cui la vendita dei titoli veramente collaudati. Hanno ragione? E qual è la mia opinione?

I produttori di petrolio sono stati nel mirino di quasi tutti gli investitori dall'inizio dell'anno.

L'analista Zach Stein scrive questo:

I titoli energetici sono i protagonisti di quest'anno. Ma è il momento di venderle e di elettrificare il proprio portafoglio prima che gli investitori si rendano conto dei problemi a lungo termine del settore.

Ci sono diversi venti contrari che potrebbero minacciare la rapida crescita: il crescente rischio di recessione, la resistenza dei consumatori ai prezzi elevati della benzina e la spinta all'elettrificazione dell'economia. Il mercato azionario sta iniziando a rendersene conto.

L'ETF Energy Select Sector SPDR $XLE+0.7% è salito dall'inizio dell'anno fino ai massimi di fine anno dell'8 giugno, poiché l'invasione russa dell'Ucraina a febbraio, unita alla crescente domanda dovuta alla ripresa economica globale post-Covida, ha portato i prezzi del petrolio a livelli inimmaginabili.

In contrasto con il resto del mercato, XLE è salito

IlWest Texas Intermediate, il benchmark statunitense per i prezzi del petrolio, ha toccato un massimo di 52 settimane a 123,70 dollari l'8 marzo e continua a essere scambiato sopra i 110 dollari. A titolo di confronto, nei quattro anni precedenti la pandemia COVID del 2020, i prezzi del petrolio hanno oscillato in genere tra i 50 e i 70 dollari al barile.

Dall'8 giugno, tuttavia, l'ETF è sceso di circa il 20%, segno tradizionale di un mercato orso.

Ecco tre motivi per realizzare subito i guadagni, secondo Stein:

Il rischio di recessione è in aumento

LaFederal Reserve sta aumentando i tassi di interesse e riducendo il suo bilancio nel tentativo di domare l'inflazione, che è in gran parte guidata dall'aumento dei prezzi dell'energia.

Il risultato potrebbe essere una recessione. E questo non è un bene né per i prezzi del petrolio, storicamente molto sensibili alle recessioni, né per i titoli delle società energetiche, i cui margini di profitto di solito aumentano insieme ai prezzi del petrolio.

Tutte le recenti recessioni economiche hanno coinciso con cali significativi e improvvisi dei prezzi del petrolio, tra cui la bolla tecnologica del 2000, gli attentati dell'11 settembre, la Grande Recessione del 2008 e la pandemia del 2020. I prezzi del petrolio si sono raffreddati nelle ultime settimane e questa tendenza potrebbe intensificarsi a causa dei rischi di recessione sopra menzionati. Alcuni investitori, tra cui Cathie Wood, CEO di ARK Invest, e strateghi azionari ritengono che siamo già in recessione.

Distruzione della domanda

Con un prezzo del petrolio così alto, ci sono segnali di resistenza da parte dei consumatori, che portano a una distruzione della domanda di petrolio. Questo è negativo per i profitti delle compagnie petrolifere.

La media a quattro settimane della domanda di benzina è scesa a 9,016 milioni di barili al giorno al 10 giugno 2022, rispetto ai 9,116 milioni di barili al giorno di un anno fa, secondo la U.S. Energy Information Administration.

Il prezzo medio nazionale di un gallone di benzina è di 4,88 dollari al gallone, in aumento rispetto ai 3,099 dollari di un anno fa. Le forze del mercato sono all'opera. Sì, c'è un limite a quanto i consumatori sono disposti a pagare la benzina.

Elettrificazione

Non è un segreto che i veicoli elettrici siano al centro della nostra trasformazione energetica globale. Eppure sta alimentando i timori di un picco della domanda di petrolio e, cosa più preoccupante per gli investitori, di un picco dei profitti.

I consumatori puntano sempre più sull'acquisto di auto elettriche. Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, le vendite globali di veicoli elettrici raggiungeranno la cifra record di 6,6 milioni di veicoli nel 2021. Secondo uno studio di EY pubblicato a maggio, il 52% dei consumatori che intendono acquistare un'auto nei prossimi due anni intende comprare un veicolo elettrico o ibrido.

Il passaggio a un veicolo elettrico riduce in modo permanente la domanda di petrolio. Una minore domanda significa meno petrolio venduto. Ciò significa minori profitti per i titoli petroliferi. Periodo.

Anche se questa non è una novità, è importante riconoscere il momento unico che le azioni si trovano ad affrontare: una confluenza di eventi potenzialmente unica in cui il mercato azionario si prende una pausa dal valutare le notizie negative a lungo termine nel settore energetico e si concentra invece sui catalizzatori di crescita a breve termine. Il risultato, non a caso, è un'impennata dei prezzi dei titoli del settore energetico, che forse non vedremo mai più.

Ad esempio, Exxon Mobil $XOM+0.6%. L'8 giugno le azioni hanno chiuso al massimo storico di 105,57 dollari, superando il precedente massimo stabilito nel maggio 2014. Sebbene il titolo Exxon Mobil sia sceso di circa il 15% da quel nuovo record, è ancora in crescita di circa il 46% da un anno all'altro.

Per gli investitori è il momento giusto per vendere i titoli delle società petrolifere ed energetiche prima che il picco dei prezzi del petrolio indotto dalla geopolitica e dalla COVID si affievolisca.

Un vecchio adagio di Wall Street dice che non si può sbagliare prendendo profitti.

Sono d'accordo più o meno con tutto ciò che scrive l'analista. Forse, come investitore di lungo periodo, eviterei di vendere frettolosamente le compagnie petrolifere. Molte di esse hanno un dividendo che pagheranno nonostante l'elettrificazione del pianeta. Inoltre, il consumo di petrolio non riguarda solo i trasporti.

È anche importante ricordare che queste aziende hanno una grande storia, un management di alto livello e un'enorme quantità di denaro che può aprire le porte a nuovi settori, se necessario.

Disclaimer: questa non è in alcun modo una raccomandazione di investimento. Si tratta di una sintesi e di un'analisi puramente mia, basata su dati provenienti da Internet e su alcune altre analisi. Investire nei mercati finanziari è rischioso e ognuno dovrebbe investire in base alle proprie decisioni. Sono solo un dilettante che condivide le proprie opinioni.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet