S&P 500 ^GSPC
4,967.23
-0.88%
Nvidia NVDA
$762.00
-10.00%
Meta META
$481.07
-4.13%
Amazon AMZN
$174.63
-2.56%
Tesla TSLA
$147.02
-1.94%
Microsoft MSFT
$399.12
-1.27%
Apple AAPL
$165.00
-1.22%
Alphabet GOOG
$155.72
-1.10%

3 titoli poco conosciuti che ora sono troppo economici per essere ignorati

Probabilmente non sapremo molto di più su Apple, Tesla o Google. Oggi tutti conoscono queste aziende. Ecco perché non fa male immergersi di tanto in tanto in acque meno conosciute e cercare di trovare qualche perla che possa salire alle stelle. Questo potrebbe essere il caso di questi 3 titoli, che secondo gli analisti si stanno vendendo a prezzi molto bassi in questo momento.

Questi titoli, come il resto del mercato, hanno subito massicci sell-off.

1. Capri Holdings $CPRI+1.9%

La prima è Capri Holdings, una holding e società di vendita al dettaglio di moda con una portata multinazionale. Capri ha più di 1.200 punti vendita al dettaglio, tra cui edicole e boutique in-store. L'azienda vende un'ampia gamma di prodotti di marca di fascia alta, tra cui abbigliamento, calzature e accessori, con i noti nomi di Versace, Jimmy Choo e Michael Kors.

Capri ha registrato una forte crescita dei ricavi negli ultimi mesi, riportando un utile di 1,49 miliardi di dollari nella relazione finanziaria per il quarto trimestre dell'anno fiscale 2021. Si tratta di un aumento del 24% rispetto all'anno precedente e, secondo i dirigenti dell'azienda, di un risultato record. Anche il margine lordo ha raggiunto il record aziendale del 64,1%. L'utile netto rettificato del trimestre è stato di 152 milioni di dollari, pari a 1,02 dollari per azione diluita. Questo dato è più di 2,5 volte superiore a quello dell'anno precedente.

Alla fine dell'anno fiscale 2022, l'azienda deteneva oltre 1,09 miliardi di dollari di scorte, con un aumento di quasi il 49% rispetto all'anno precedente e in linea con gli obiettivi dichiarati dall'azienda. Cioè, sia per tenere più scorte di base su base regolare, sia per prendere le scorte stagionali prima del ciclo.

La società ha un programma attivo di riacquisto di azioni e nel trimestre ha riacquistato circa 5,1 milioni di azioni, spendendo circa 300 milioni di dollari. Il Consiglio di amministrazione ha poi rivisto il programma di riacquisto e ha sostituito la restante autorizzazione di 500 milioni di dollari con una nuova autorizzazione di 1 miliardo di dollari nei prossimi due anni.

Fonte.

Nonostante tutto questo, il prezzo delle azioni è in calo. Quest'anno il titolo ha perso circa il 35%.

Queste forti perdite hanno fatto sì che il prezzo delle azioni del rivenditore di lusso fosse piuttosto basso e lo hanno messo in una posizione che ha attirato l'attenzione dell'analista Robert Drebul.

In un commento per Guggenheim, Drbul ha scritto: "Sebbene l'azienda debba affrontare molte sfide macro e globali a breve termine, continuiamo a ritenere che Capri abbia l'opportunità di generare un fatturato di 7 miliardi di dollari e di raggiungere un margine operativo del 20% nel lungo periodo". Capri viene scambiata a sole 7,1 volte le nostre nuove stime di EPS per il 2023 e riteniamo che offra uno dei modi più economici e interessanti di investire nella ripresa economica globale in corso (ma non lineare), con aspettative di aumento della domanda di categorie speciali di borse, calzature e abbigliamento per eventi sociali, viaggi e ritorno in ufficio".

Drbul segue questi commenti con un rating Buy e un obiettivo di prezzo di 90 dollari, mostrando la sua fiducia in una crescita del 109% quest'anno.

2. ArcBest Corporation $ARCB+1.3%

Con il secondo titolo della nostra lista, ci spostiamo nel settore dei trasporti. ArcBest è un'altra holding, ma questa volta nel settore dei trasporti; le sue controllate sono società di trasporto che operano nel segmento dei trasporti a carico inferiore al camion (LTL), che è una parte importante del settore dei trasporti. Le aziende utilizzano il trasporto LTL per trasportare carichi troppo grandi per i pacchi, ma non abbastanza grandi da riempire completamente un semirimorchio, e li trasportano su una serie di percorsi, da quelli interstatali a lungo raggio a quelli urbani.

Una rapida occhiata ad alcuni numeri ci fa capire quanto sia importante il vuoto che ArcBest colma. L'azienda ha più di 80.000 vettori attivi, 14.000 dipendenti e nel 2021 registrerà un fatturato di oltre 4 miliardi di dollari. Di questi, l'azienda ha investito circa 150 milioni di dollari in tecnologia e innovazione, con particolare attenzione ai progetti strategici.

Tutto questo ha fatto sì che ArcBest iniziasse il 2022 in modo solido, con un fatturato nel primo trimestre di 1,34 miliardi di dollari, in crescita del 61% rispetto all'anno precedente. Le vendite elevate hanno fatto aumentare anche i profitti. L'utile netto del 1° trimestre 2022 è stato di 79,8 milioni di dollari con un EPS diluito di 3,08 dollari. Sia il fatturato totale che l'utile diluito per azione sono stati i migliori in oltre due anni, e i guadagni di ArcBest si sono riflessi in tutti i segmenti operativi dell'azienda.

Fonte.

Tuttavia, il titolo ArcBest ha perso il 32% quest'anno, il che suggerisce che gli investitori dovrebbero prestare maggiore attenzione a questo titolo, secondo l'analista Ariel Rosa di Credit Suisse.

"ArcBest ha un interessante rendimento del 12% del flusso di cassa libero (il più alto nella nostra copertura). La società ha ottenuto buoni risultati negli ultimi anni, ma il suo attuale multiplo, a nostro avviso, riflette un notevole scetticismo sulla sostenibilità di tali risultati... Se riuscirà a mantenere questi risultati con la normalizzazione della domanda, soprattutto con un rapporto operativo LTL inferiore al 90%, il prezzo delle sue azioni potrebbe salire in modo significativo", ritiene Rosa.

Rosa valuta quindi ARCB come Outperform (ovvero Buy), il che non sorprende visti i suoi commenti, e fissa un prezzo obiettivo di 102 dollari, che implica una crescita annua del 34% per il titolo.

3. Open Lending Corporation $LPRO+0.6%

Negli ultimi anni il settore automobilistico ha trovato un sostegno significativo nei finanziamenti al consumo, che hanno incrementato le vendite di auto nuove e usate con l'aumento dei prezzi. In futuro, questo supporto diventerà sempre più importante, ma anche più complicato, con l'aumento dei tassi di interesse. Il nostro prossimo titolo, Open Lending, guarda a questo settore.

L'azienda texana fornisce una serie di servizi per istituzioni finanziarie e istituti di credito, in particolare l'analisi automatizzata del credito, la determinazione e la modellazione dei prezzi in base al rischio e la tecnologia di decisione automatizzata per gli istituti di credito del settore automobilistico. L'azienda opera in tutti gli Stati Uniti ed è in attività dal 2013. È diventata pubblica nel 2020.

Fonte.

Da quando è stata quotata in borsa, l'azione è salita rapidamente, raggiungendo picchi superiori a 40 dollari. Il titolo si è mantenuto su questo livello o vicino ad esso per la maggior parte del 2021, ma ha iniziato a scendere lo scorso settembre. Dall'inizio dell'anno, il titolo è sceso del 59%.

Un'occhiata ai numeri può aiutare a spiegare il calo delle azioni di Open Lending. L'azienda sta affrontando un problema dovuto all'inflazione e all'aumento dei tassi di interesse, che rendono l'acquisto di veicoli più costoso per i clienti. Tuttavia, ha registrato il profitto più alto nell'ultimo trimestre, il Q1 2022, con 50,1 milioni di dollari, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. L'attività è rimasta forte nel Q1, con la certificazione di 43.944 prestitirispetto ai 33.318 del trimestre precedente, con un aumento di quasi il 32%. Anche l'utile netto è salito da 12,9 a 23,2 milioni di dollari, con un aumento di oltre il 79% rispetto all'anno precedente.

Nel suo commento, l'analista di JMP David Scharf scrive: "L'azienda ha ottenuto risultati molto solidi nel primo trimestre, sia in termini di ricavi che di utili, oltre a volumi di certificazione dei prestiti (certs) migliori del previsto. Inoltre, riteniamo che la reiterazione della guidance sui ricavi, sull'EBITDA e sui certificati per l'intero anno sarà considerata positivamente alla luce del sentiment degli investitori, che ha dipinto un quadro più negativo per la domanda di prestiti auto nel corso del 2022..." Riteniamo che gli ostacoli della catena di approvvigionamento senza precedenti che hanno pesato sulle scorte dei concessionari e sui volumi dei prestiti, così come l'impatto della normalizzazione del credito sulle quote di profitto dei vettori, siano già prezzati nel titolo di Open Lending".

Scharf, che è decisamente nel campo dei tori, valuta le azioni di LPRO Outperform (ovvero Buy) e il suo obiettivo di prezzo di 28 dollari implica un robusto rialzo del 189% nei prossimi 12 mesi.

Disclaimer: questa non è una raccomandazione di investimento, ispirata da Yahoo Finance. Non sono un investitore professionista.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet