S&P 500 ^GSPC 5,071.63 +0.02%
Tesla TSLA $162.13 +12.06%
Nvidia NVDA $796.77 -3.33%
Amazon AMZN $176.59 -1.64%
Apple AAPL $169.02 +1.27%
Alphabet GOOG $161.10 +0.74%
Meta META $493.50 -0.52%
Microsoft MSFT $409.06 +0.37%

2 motivi per credere che i titoli growth siano pronti per una corsa al rialzo

Navigando in Internet alla ricerca di notizie interessanti sul mondo degli investimenti, mi sono imbattuto in un articolo di Luke Lang, come sempre molto ottimista. Secondo le sue metriche e i suoi grafici, siamo sull'orlo di una corsa al rialzo, che ovviamente mi piacerebbe, chi non la vorrebbe, giusto? Queste ragioni, supportate da prove storiche, sembrano interessanti, quindi ho pensato di condividerle con voi.

Le ultime sessioni di trading sono state positive, l'umore sta lentamente tornando ad essere rialzista.

Quest'anno è stato incredibilmente volatile per le azioni. Con l'inflazione in rapida ascesa, i rialzi dei tassi, l'impennata dei rendimenti e le restrizioni imposte dalla legge, abbiamo assistito ad alcune perdite di valore. Ma ora il mercato azionario è pronto a scrollarsi di dosso il crollo e a fare una grande svolta. E i titoli growth faranno da apripista.

Le azioni hanno registrato un forte rialzo ieri, proseguendo un luglio super per i mercati. Negli ultimi 30 giorni, l'indice Dow Jones è salito del 3, 4% e l'S&P 500 del 5% circa. Il Nasdaq è salito del 7%. E a guidare questo rally sono i titoli growth che stanno sovraperformando il resto del mercato!

Ora tutti hanno la stessa domanda in testa. Siamo all'inizio di un'importante inversione di tendenza del mercato o si tratta solo di un altro rally di breve periodo del mercato orso? Luke Lango pensa che sia la prima, e per molte ragioni. La Fed si è finalmente impegnata a combattere l'inflazione. La stessa inflazione ha poi raggiunto un picco. I prezzi delle materie prime sono in calo e anche i rendimenti del Tesoro sono in calo. Le valutazioni sono tornate a livelli storicamente scontati. Gli insider stanno acquistando come fanno solo ai minimi di mercato.

E ieri, per la prima volta da quando il mercato ha toccato i minimi di Covid 19, sono apparsi i due maggiori segnali "Strong Buy".

Il sentimento di rischio è sceso al livello più basso dalla crisi del 2008

I due segnali di acquisto presentati provengono dal sondaggio condotto da Bank of America sui gestori di fondi nel luglio 2022, in cui la banca ha chiesto a un gruppo di gestori di fondi quanto rischio stanno assumendo in questi giorni sui mercati. Inoltre, si chiedeva se fosse probabile una recessione nei prossimi mesi.

Le risposte di questi gestori indicano chiaramente che il mercato azionario ha toccato il fondo e che è in arrivo un breakout importante. In risposta alla prima domanda, circa l'80% dei gestori di fondi ha risposto che nell'attuale mercato sta assumendo meno rischi del solito. Se si risale al 2000, si tratta di un massimo storico per questo sondaggio. Anche durante la crisi finanziaria del 2008, la percentuale era inferiore all'80%.

Fonte: investorplace

Ora... indovinate cosa è successo nell'ottobre 2008?

I titoli growth hanno toccato il fondo dopo una performance abissale da inizio anno. Azioni come Amazon, Netflix e Salesforce, che fino a quel momento erano state schiacciate, hanno continuato a raddoppiare il loro valore da metà ottobre 2008 a metà ottobre 2009.

Fonte: investorplace

In altre parole, l'ultima volta che i gestori di fondi sono stati quasi così "privi di rischio" è stato quando i titoli growth hanno toccato il fondo durante la crisi finanziaria. A quel punto molti di loro hanno sfiorato un apprezzamento del 100% nei 12 mesi successivi. La storia si ripeterà?

Le probabilità di una recessione sono sempre più elevate

La seconda grande domanda del sondaggio di Band of America è se i gestori di fondi ritengono probabile una recessione.

Nel sondaggio del luglio 2022, la percentuale di gestori di fondi che ritengono probabile una recessione è salita a oltre il 50%. In effetti, la maggioranza ritiene probabile una recessione.

Questo è un territorio raro. Finora abbiamo superato la soglia del 50% solo due volte: all'inizio del 2020 e all'inizio del 2009. Entrambi i periodi hanno coinciso con i ribassi del mercato azionario.

Fonte.

In particolare, il mercato azionario ha toccato il fondo durante la crisi finanziaria del 2008, nel marzo 2009. Nello stesso mese, la percentuale di gestori di fondi che ritengono probabile una recessione ha raggiunto il massimo. Nei 12 mesi successivi, l'indice S&P 500 è salito di un incredibile 70%.

Nell'aprile 2020, questa metrica ha raggiunto un nuovo picco vicino al 100%. Questo coincide con il giorno del sell-off del mercato a causa di Covid 19. Nei 12 mesi successivi, l'indice S&P 500 è salito di oltre il 60%.

In altre parole, la storia dice che il mercato azionario prevede una crescita superiore al 60% nei prossimi 12 mesi.

In conclusione

Storicamente, sembrerebbe che non ci sia nulla di cui preoccuparsi. Siamo in una corsa di tori e siamo finiti. Tuttavia, ovviamente, questo non significa nulla e la situazione potrebbe essere molto diversa. In ogni caso, si tratta di metriche interessanti. Vale certamente la pena di tenere d'occhio la situazione e vedere se queste previsioni si avverano o meno.

Disclaimer: ispirato a un articolo di Luke Lang. Non sono un investitore professionista.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet