S&P 500 ^GSPC
5,069.82
-0.16%
Alphabet GOOG
$137.43
-1.91%
Nvidia NVDA
$776.63
-1.32%
Tesla TSLA
$202.04
+1.16%
Apple AAPL
$181.42
-0.66%
Meta META
$484.02
-0.62%
Amazon AMZN
$173.16
-0.22%
Microsoft MSFT
$407.72
+0.06%

Bitcoin potrebbe non essere con noi ancora per molto, avverte il rispettato professore universitario

Mentre molti investitori discutono su quale livello di prezzo il Bitcoin raggiungerà nei prossimi giorni o settimane, altri stanno cercando di guardarlo in modo globale e trovare una risposta alla domanda se e in quale forma la più grande criptovaluta sarà con noi tra qualche anno. E questo rispettato professore universitario ha concluso che BTC potrebbe non avere quasi la posizione privilegiata che ha avuto finora. Al contrario.

Un giorno il Bitcoin scomparirà?

Il mio articolo di ieri This is the scariest statistic about Bitcoin that could spell its end ha suscitato alcune emozioni piuttosto forti, così mi sono guardato intorno un po' di più e sono stato incuriosito dal parere di questo economista, che dopo averlo letto devo essere d'accordo.

Eswar Prasad, un professore senior di politica commerciale internazionale alla Cornell University, ha detto su "Squawk Box Europe" della CNBC all'inizio di questo mese:

"Bitcoin stesso potrebbe non durare così a lungo".

Il prezzo di Bitcoin è stato molto volatile negli ultimi anni, e nell'ultimo mese il prezzo di una singola moneta è sceso da circa 58.000 dollari a meno di 46.000 dollari.

Mentre una volta c'erano solo poche criptovalute, oggi ce ne sono centinaia, e alcune di esse sono più utili ed ecologiche del Bitcoin.

La tecnologia sottostante alla maggior parte delle criptovalute è la blockchain. È essenzialmente un libro mastro digitale delle transazioni di valuta virtuale che è distribuito in una rete globale di computer.

L'uso della tecnologia blockchain per Bitcoin non è molto efficiente", ha detto Prasad, che è autore di "The Future of Money: How the Digital Revolution is Changing Currencies and Finance".

La criptovaluta "usa un meccanismo di verifica delle transazioni che è distruttivo per l'ambiente" e "non scala molto bene", ha spiegato. In effetti, l'impronta di carbonio di Bitcoin è più grande dell'intera Nuova Zelanda.

Secondo Prasad, alcune delle nuove criptovalute utilizzano la tecnologia blockchain in modo molto più efficiente di Bitcoin.

La tecnologia Blockchain, ha detto, "cambierà fondamentalmente" il modo in cui la finanza è fatta e come conduciamo le transazioni quotidiane, come l'acquisto di una casa o di una macchina.

"Dato che Bitcoin non serve bene come mezzo di scambio, non credo che avrà un valore fondamentale diverso da quello che la fede degli investitori li porta a credere", ha detto Prasad.

Una precedente intervista sulle criptovalute:

https://www.youtube.com/watch?v=F35MjY9iX34

Più in generale, le criptovalute "hanno acceso un fuoco sotto le banche centrali per iniziare a pensare all'emissione di versioni digitali delle loro valute ", ha detto Prasad.

Ha aggiunto che tali valute digitali potrebbero essere vantaggiose perché possono fornire un'opzione di pagamento a basso costo a cui tutti possono accedere, aumentando l'inclusione finanziaria e potenzialmente la stabilità finanziaria.

"Per quanto il Bitcoin possa non piacerti, ha davvero iniziato una rivoluzione di cui alla fine tutti noi possiamo beneficiare direttamente o indirettamente", ha detto Prasad.

Penso che possiamo essere abbastanza d'accordo su questo. Bitcoin ha aperto la strada, così come molti altri grandi siti internet iniziali. Proprio come negli anni '90 la maggior parte degli americani pensava ad AOL e la maggior parte dei cechi pensava a Seznam sotto la parola Internet, oggi la maggior parte delle persone pensa a Bitcoin sotto la parola crypto.

Ma i veri Amazon, Google o Facebook stanno ancora emergendo, secondo me.

Vote to see the results! 0 answers already!

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet