S&P 500 ^GSPC 5,303.27 +0.12%
Nvidia NVDA $924.79 -1.99%
Tesla TSLA $177.58 +1.57%
Alphabet GOOG $177.29 +1.06%
Amazon AMZN $184.70 +0.58%
Meta META $471.91 -0.28%
Microsoft MSFT $420.21 -0.19%
Apple AAPL $189.87 +0.02%

Porsche come salvatore dei nuovi operatori di borsa in Europa

Filipo Maritinelli
3. 10. 2022
3 min read

La settimana scorsa gli amanti della Porsche hanno avuto una bella sorpresa: giovedì la casa madre Volkswagen ha completato con successo un'emissione primaria di azioni Porsche sulla borsa tedesca Xetra.

Le azioni Porsche vendute sono state sottoscritte all'estremità superiore della fascia di prezzo stabilita, consentendo agli investitori di acquistare a 82,5 euro per azione. Molti vedono Porsche come il salvatore dei nuovi arrivati in borsa in Europa.

Ma il mese di settembre si è rivelato chiaramente un mese perdente per il titolo, con gli indici azionari statunitensi che hanno perso circa il 9%. Questo ha spinto i valori dell'indice ai minimi di quest'anno e potrebbe tornare ad eguagliare i livelli del novembre 2020. Durante la settimana precedente, il principale indice d'oltreoceano, l'S&P 500, è sceso del 2,64%. Anche il noto indice Dow Jones ha già perso oltre il 20% dall'inizio dell'anno e può quindi già essere classificato come mercato orso.

La scorsa settimana è stata particolarmente spiacevole per le aziende tecnologiche. Tra i titoli più venduti c'è Apple, che ha resistito a lungo alle perdite e al sentimento negativo del mercato. La domanda dei nuovi modelli di iPhone 14 è significativamente inferiore alle aspettative.

Grafico. Fonte: fool.com

Il numero di nuove richieste di disoccupazione negli Stati Uniti è sceso la scorsa settimana, confermando che il mercato del lavoro americano è ancora forte. Ciò potrebbe indurre gli investitori a credere che la Fed continuerà ad aumentare i tassi di interesse. Ciò si tradurrà ancora una volta in un calo delle aziende in crescita sul mercato azionario, in quanto sono soprattutto quelle con maggiore leva finanziaria, e il denaro tornerà ad essere più costoso.

Il Regno Unito sta attraversando un periodo molto difficile. Il piano del nuovo governo di introdurre tagli alle tasse e aumentare la spesa finanziata dai prestiti ha causato un altro significativo deprezzamento della valuta britannica. La banca centrale ha risposto lanciando un programma di acquisto di titoli di Stato. Questo ha scatenato e provocato un'estrema volatilità sui mercati.

L'inflazione nell'area dell'euro continua a salire. La lettura del mese scorso, quando l'inflazione era ancora al 9,1%, è salita dello 0,9% questo mese fino all'attuale livello del 10%. Il motivo del forte aumento dell'inflazione è l'aumento dei costi dell'energia. La Germania ha registrato un aumento ancora più marcato, con un'inflazione passata dall'8,8% al 10,9%.

In un contesto economico difficile, gli analisti hanno ridotto le loro aspettative per gli utili societari del terzo trimestre, che saranno pubblicati a metà ottobre. Negli ultimi tre mesi le previsioni di consenso sugli utili dell'indice S&P 500 sono diminuite del 6,6%.

Gli investitori attendono l'importante riunione dei paesi OPEC+ sulla produzione di petrolio all'inizio del nuovo trimestre, nonché la pubblicazione dell'indagine statunitense sulle aperture di posti di lavoro e sul turnover del personale. Anche la politica monetaria sarà decisa dalla Reserve Bank of Australia. In termini di dati macro, potrebbero essere interessanti anche gli indici dei responsabili degli acquisti (PMI), che mostreranno il sentiment di singoli settori o addirittura dell'economia nel suo complesso.

Disclaimer: Questo articolo ha uno scopo puramente informativo e non costituisce una raccomandazione di investimento. L'autore non si assume alcuna responsabilità per il rischio potenziale connesso a qualsiasi investimento basato su questo articolo. Autore dell'articolo: Dominik Guzdek


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.