S&P 500 ^GSPC 5,314.17 +0.21%
Nvidia NVDA $948.09 +2.52%
Tesla TSLA $174.34 -1.76%
Microsoft MSFT $424.88 +1.11%
Apple AAPL $191.58 +0.90%
Meta META $469.22 -0.57%
Amazon AMZN $183.70 -0.54%
Alphabet GOOG $178.20 +0.51%

Morgan Stanley: vendete immediatamente questo titolo, il suo prezzo potrebbe scendere dell'87%.

Filipo Maritinelli
21. 11. 2022
3 min read

Mentre nel 2020 e nel 2021 le azioni Carvana erano considerate il chiaro vincitore dell'era della pandemia, quest'anno è esattamente il contrario. È difficile trovare un titolo che, come CVNA, sia sceso di oltre il 97% nell'ultimo anno. Tuttavia, potrebbe non essere tutto, poiché gli analisti prevedono già ulteriori cali nella fascia alta del decennio.

Morgan Stanley

Cosa sta succedendo?

Le azioni di Carvana $CVNA+1.6% hanno registrato un forte aumento per la maggior parte del 2020 e del 2021, raggiungendo una valutazione di mercato di oltre 60 miliardi di dollari. I problemi della catena di approvvigionamento hanno dato il via a una carenza di auto nuove che ha spinto gli acquirenti ad affollare il mercato delle auto usate. Di conseguenza, il prezzo dei veicoli usati ha iniziato a salire alle stelle. E durante il periodo più spaventoso della pandemia, Carvana ha offerto alle persone la possibilità di acquistare auto online e di farsele consegnare a casa. Ma ora il mercato delle auto usate sta rallentando, il che ha dato un duro colpo a Carvana e ad altri concessionari.

Le azioni CVNA sono scese del 97,12% nell'ultimo anno

Risultati del 3° trimestre

Ecco come si è comportata Carvana rispetto alle stime degli analisti compilate da Refinitiv:

  • Perdita per azione: 2,67 dollari contro gli 1,94 dollari previsti
  • Ricavi: 3,39 miliardi di dollari rispetto a 3,71 miliardi di dollari

Quasi tutti gli aspetti delle operazioni di Carvana sono diminuiti rispetto all'anno precedente, compreso un calo del 31% dell'utile lordo a 359 milioni di dollari. Le unità vendute al dettaglio sono scese dell'8% rispetto al terzo trimestre del 2021, attestandosi a 102.570 veicoli, mentre l'utile lordo per unità - un parametro molto osservato dagli investitori - è sceso di oltre 1.100 unità a 3.500 dollari.

"L'ambiente economico rimane incerto, ma siamo concentrati sull'obiettivo di portare l'azienda alla redditività", ha dichiarato Ernie Garcia, CEO e co-fondatore di Carvana. "Sebbene i progressi siano raramente lineari, siamo sulla buona strada per diventare il più grande e redditizio rivenditore di automobili".

Giovedì Garcia ha descritto il prossimo anno come "difficile" per l'azienda, citando tra l'altro la normalizzazione del settore dei veicoli usati dai suoi livelli inflazionati e l'aumento dei tassi di interesse.

https://youtu.be/DH4jtebrksw

Crescono le preoccupazioni degli analisti

Il contesto attuale preoccupa alcuni analisti di Wall Street per il futuro di Carvana.

"Mentre l'azienda continua ad adottare misure di riduzione dei costi, riteniamo che il deterioramento del mercato delle auto usate, combinato con la volatilità dei tassi di interesse e del contesto di finanziamento, aumenti il rischio materiale per le prospettive", ha scritto Adam Jonas, analista di Morgan Stanley $MS+0.4%, in una nota agli investitori venerdì.

È stato un anno difficile per Carvana. Nel novembre 2021, l'azienda ha dichiarato che stava acquistando auto troppo velocemente per alimentare la sua crescita esplosiva e stava incontrando problemi operativi per soddisfare la domanda dei clienti. Ad aprile, l'azienda ha ammesso di aver accumulato troppe scorte in vista del primo trimestre del 2022 e di non prevedere un rallentamento delle vendite a causa dell'aumento dei tassi di interesse, dei prezzi elevati delle auto e del rincaro della benzina. A maggio ha contratto miliardi di euro di debito per acquistare la società di aste automobilistiche Adesa, in un'operazione di finanziamento che alcuni analisti hanno criticato.

A maggio, Carvana ha licenziato circa 2.500 dipendenti nel tentativo di ridurre i costi dopo diversi trimestri deludenti. L'azienda sta lavorando per migliorare la redditività, ma in una lettera agli azionisti di giovedì la direzione ha riconosciuto che la strada da percorrere è ancora lunga.

DISCLAIMER: Tutte le informazioni fornite in questa sede hanno uno scopo puramente informativo e non costituiscono in alcun modo una raccomandazione di investimento. Fate sempre la vostra analisi.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.