In tempo di guerra, si dovrebbero vendere immediatamente le azioni su qualsiasi crescita. La Bank of America spiega…

Siamo in tempi strani. La situazione attuale è triste, incredibile, terribile. Tocca quasi ogni aspetto della nostra vita. E naturalmente, i mercati azionari non fanno eccezione, e qui a Bulios ti portiamo un flusso di consigli, informazioni e notizie su come investire in questo momento. In questo post, Bank of America spiega perché vendere immediatamente le azioni al prossimo aumento di prezzo.

Invece di comprare i dips (cali), gli investitori dovrebbero vendere gli strappi (aumenti) nel mercato azionario mentre la Federal Reserve inizia ad aumentare i tassi di interesse ai livelli del mercato degli orsi, Bank of America $BAC+1.4%ha detto in un rapporto venerdì.

Crediamo che l'era rialzista degli eccessi delle banche centrali, dell'inflazione di Wall Street e della globalizzazione stia finendo e che l'era ribassista dell'intervento del governo, della polarizzazione sociale e politica, dell'inflazione di Main Street e dell'isolazionismo geopolitico stia iniziando", ha detto Michael Hartnett di BofA.

Mentre le principali medie azionarie non sono in un mercato orso, BofA nota che la maggior parte dei singoli titoli sono già in uno. Secondo la nota, il 76% dei titoli del Nasdaq e il 51% dei titoli dello S&P 500 sono almeno il 20% al di sotto dei loro massimi di 52 settimane.

L'indice Nasdaq 100 è entrato brevemente in territorio di mercato ribassista giovedì, scendendo più del 20% dal suo massimo storico, e poi ha messo in scena una brusca inversione mentre gli investitori elaboravano le implicazioni dell'attacco della Russia all'Ucraina.

Evoluzione dell'indice tecnologico Nasdaq 100 negli ultimi 6 mesi, fonte .

Questa debolezza si è diffusa ai settori chiave del mercato azionario, suggerendo una potenziale recessione nei titoli immobiliari in particolare. Home Depot $HD+3.1% è giù del 29% dal suo picco e il costruttore di case Toll Brothers è giù del 38%.

Questo accade raramente al di fuori di una recessione", ha avvertito BofA, aggiungendo che "il consumatore ha sempre ragione".

Il continuo deterioramento del mercato azionario è probabile che aumenti le aspettative che la Fed inizierà ad aumentare i tassi di interesse e a ridurre il suo bilancio proprio quando l'economia inizia a rallentare e si sviluppa un mercato orso, ha detto la banca.

"'Shock dell'inflazione' significa 'shock dei tassi', che significa 'shock della crescita' = rendimenti negativi su prestiti e azioni nel 2022", ha detto BofA. E l'invasione russa dell'Ucraina non fa che esacerbare i fondamentali ribassisti, poiché il conflitto potrebbe benissimo portare a una continua inflazione delle materie prime e a un errore della politica della Fed.

Ultimo ma non meno importante, BofA vede un calo significativo dell'indice S&P 500 prima che una "Fed put" sia innescata. "Fed put" è una parola in codice per indicare quanto in basso deve scendere lo S&P 500 prima che la Fed intervenga e faccia un'inversione nella sua politica per fermare il declino.

Secondo BofA, la "Fed put" non scatterà fino a quando l'indice S&P 500 non scenderà sotto 3.800, che rappresenta un potenziale declino di almeno il 12% dai livelli attuali.

L'indice S&P 500 è stato l'ultima volta sotto 3800 lo scorso marzo, fonte .

Seguirete questa strategia o avete pensato a un'altra linea d'azione?

Disclaimer: Questa non è una raccomandazione di investimento, non sono un investitore professionista.


No comments yet
Timeline Tracker Overview