S&P 500 ^GSPC
5,108.22
+0.23%
Nvidia NVDA
$807.08
+2.02%
Meta META
$499.92
+2.00%
Tesla TSLA
$199.81
-1.03%
Apple AAPL
$179.02
-0.96%
Alphabet GOOG
$138.96
-0.59%
Microsoft MSFT
$412.28
-0.33%
Amazon AMZN
$177.16
+0.23%

Non dovete preoccuparvi del vostro investimento in tempo di guerra. La storia dice che i mercati cresceranno

Dall'inizio della guerra in Ucraina, possiamo vedere i consigli, le opinioni e le previsioni di molte banche, esperti e anche gente comune, per esempio da Reddit. Mi sono imbattuto in uno di questi utenti. Il suo post su come i mercati si sono storicamente evoluti durante le guerre e le crisi geopolitiche ha attirato la mia attenzione. Può servire come un'altra prospettiva sulla crisi di oggi e anche un po' di balsamo per i nervi tesi.

La performance del secondo indice più vecchio del mondo, il Dow Jones, è servita come metrica. Riunisce 30 aziende americane blue chip.

In questa analisi, ci concentreremo sull'indice Dow Jones $^DJI+0.1%, che risale a 140 anni fa ed è esistito in un periodo in cui hanno avuto luogo molte guerre e conflitti globali. Fornisce anche una metrica abbastanza accurata per valutare lo stato dei mercati finanziari nel tempo.

Da questa analisi, ricaviamo poi la performance attesa del bitcoin e delle criptovalute in generale durante la guerra Russia-Ucraina in corso. Naturalmente, nessuno di noi ha una sfera di cristallo, ma data la correlazione tra il prezzo del bitcoin $BTCUSD+1.1% e i mercati azionari tradizionali, possiamo supporre che questa analisi possa essere utile.

Il DJI è su dello 0,65% finora dall'inizio del conflitto (24 febbraio), fonte .

Cominciamo nel 1914, quando iniziò il primo conflitto globale.

  • PRIMA GUERRA MONDIALE: Il Dow inizia a 51 dollari e finisce a 86 dollari, un enorme ritorno del 69% da luglio 1914 a novembre 1918, nonostante la Grande Guerra in corso.
  • Laseconda guerra mondiale: il Dow va da 150 a 176 dollari, un rispettabile ritorno del 17% da settembre 39 a settembre 45.
  • GUERRA DEL VIETNAM: Il Dow passa da 476 a 848 dollari, un guadagno costante e a lungo termine del 78% dal 1955 al 1975.
  • Crisi dei missili di Cuba: i mercati rimangono inalterati in questi 12 giorni, nonostante la possibilità di una guerra nucleare totale tra i due giganti.
  • Invasione dell'Iraq: Il Dow inizia a 8145 dollari e finisce a 11.866 dollari, rappresentando un aumento a lungo termine del 45% tra il 2003 e il 2011.
  • Attacchi terroristici dell'11 settembre: il Dow precipita da 10.000 a 8.000 dollari in una settimana, ma si riprende rapidamente in soli due mesi. Era la prima volta che gli Stati Uniti continentali erano sotto un attacco così serio e diretto, quindi le mosse avevano senso.

Quindi, come possiamo vedere, il mercato azionario ha fatto inaspettatamente bene in tempi di guerra e conflitti globali. Questo nonostante il fatto che "i mercati odiano l'incertezza". Quindi, se la storia è un'indicazione, quando si tratta della situazione attuale, è più probabile vedere un movimento verso l'alto che verso il basso: almeno per i prossimi anni.

Quindi, tutto sommato, anche se vediamo una tendenza al ribasso in tutte le azioni (soprattutto quelle appartenenti a NASDAQU $^NDX+0.6%) e Bitcoin sotto i 40k dollari, vedremo più verde che rosso nei prossimi anni. Quindi abbiamo solo bisogno di pazienza, hodl e presto saremo fuori da questo casino.

Disclaimer: Questa non è una raccomandazione di investimento, non sono un professionista dell'investimento.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Log in to Bulios

Log in and follow your favorite stocks, create a portfolio and discuss with others


Don't have an account? Join us

No comments yet