Possedete azioni americane? Allora dovete assolutamente fare attenzione. Potreste rimanere sorpresi.

Alla maggior parte delle persone piacciono le azioni statunitensi. Naturalmente, gli investimenti comportano alcuni rischi. Ma c'è una cosa di cui pochi parlano e che può avere un impatto significativo sul vostro patrimonio. Che cos'è? Come si previene e come ci si protegge? Scopritelo qui di seguito.

Uno dei concetti più noti è la cosiddetta convenzione sulla doppia imposizione, che protegge gli investitori dal dover tassare più volte i redditi da investimento. Ma a questo proposito è molto importante capire che cosa si intende con questo trattato. La maggior parte degli investitori ha l'impressione che questo trattato li protegga in tutto e per tutto. In parte hanno ragione, perché il trattato ceco-statunitense sulla doppia imposizione copre i redditi da investimento, ma solo per tutta la vita dell'investitore. Ciò significa che se state costruendo un portafoglio che volete lasciare un giorno ai vostri discendenti, questi potrebbero avere dei problemi in futuro.

Imposta progressiva

La Repubblica Ceca ha un trattato contro la doppia imposizione con gli Stati Uniti, ma questo si applica solo all'imposta sul reddito, non all' imposta di successione o di donazione.

Olivia Cooper, specialista in diritto internazionale e contesto fiscale, ha confermato. L'imposta riguarda quindi qualsiasi residente ceco o di qualsiasi Paese che non abbia un trattato di doppia imposizione con gli Stati Uniti. Ciò significa che qualsiasi cittadino, in caso di eredità o donazione di beni situati negli Stati Uniti, sarà soggetto a questa imposta. Come ho scritto sopra. Il trattato sulla doppia imposizione in questo caso si applica solo alle imposte sul reddito durante la vita. Nel caso degli investitori cechi, questa imposta si applica solo all'eredità o alla donazione.

Questo può creare molta confusione perché ogni trattato fiscale, anche se stipulato dallo stesso Paese, può avere clausole di esenzione diverse. Pertanto, non bisogna mai dare per scontato che se un'esenzione è disponibile in un trattato fiscale statunitense, lo sarà anche in tutti gli altri trattati.

Pertanto, questa imposta si applica a tutti i beni posseduti dal defunto alla data del decesso. La ciliegina immaginaria sulla torta di tutto questo è che l'imposta di solito non viene pagata sul valore originario dei beni, o su quanto pagato dal testatore, ma sul valore equo attuale.

https://www.youtube.com/watch?v=ZlJ2gnFd8Io

In conclusione. Se volete trasferire una proprietà dopo la vostra morte o per donazione, che si tratti di azioni o di immobili in America, dovrete accettare che questa proprietà sarà tassata con un'imposta progressiva. L'imposta può raggiungere il 40% e solo i beni fino a 60.000 dollari sono esenti da imposta.

Come evitare questa situazione?

Ho trovato online alcune informazioni e consigli che possono aiutarvi a evitare questa tassa. Uno di questi consigli è quello di detenere i propri investimenti tramite trust o società di partecipazione.

Le attività investite non sono soggette al processo verbale e quindi in molte situazioni, come ad esempio il decesso di una persona, non c'è trasferimento di attività nel processo verbale e non c'è evento fiscale che possa generare una passività fiscale. Questa forma giuridica di detenzione e investimento in attività domiciliate fiscalmente negli Stati Uniti ha le sue specificità, come gli obblighi contabili, la rivalutazione o l'assenza di un test fiscale, ma ha anche una serie di aspetti positivi che devono essere sempre valutati a seconda del tipo e delle dimensioni delle attività investite.

Il fatto breve e semplice è che la persona detiene i propri investimenti attraverso holding o trust che si trovano nella Repubblica Ceca. In questo modo, alla morte del proprietario, il titolare delle azioni statunitensi rimane lo stesso, ma cambia solo il proprietario della holding o del trust. Pertanto, non vi è alcun obbligo di pagare questa imposta.

Tenendo conto del test temporale e quantitativo, mi sembra che l'opzione migliore per un investitore sia quella di affrontare questa situazione in anticipo, vendendo il portafoglio e trasferendo i fondi direttamente ai propri discendenti.

Tuttavia, se si dispone di beni di valore inferiore a 60.000 dollari, questi sono esenti e non si deve affrontare questo problema.

AVVERTENZA: non sono un consulente finanziario e questo materiale non costituisce una raccomandazione finanziaria o di investimento. Il contenuto di questo materiale è puramente informativo.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview