Una strategia migliore e più sicura di tutte le altre. Come riconoscere i titoli giusti?

Per gli investitori a lungo termine, la scelta migliore è quella di detenere titoli di un indice. Idealmente, quelli a dividendo. Ma se esistesse un metodo ancora migliore e più efficiente?

I titoli a dividendo offrono un apprezzamento superiore agli altri

Secondo alcuni, infatti, esiste un'opzione ancora migliore: il possesso a lungo termine di blue-chip a dividendo. E lo dimostrano i numeri.

Negli ultimi 50 anni , leblue-chips a crescita di dividendihanno fornito circa il 13% di rendimento annuo e circa il 10% di rendimento corretto per l'inflazione.

Ma questo non significa che si possa acquistare un qualsiasi titolo a dividendo e sperare di ottenere rendimenti senza leva. Perché? Perché quasi la metà di tutte le azioni statunitensi si trasforma in un disastro.

Tabella del numero di azioni che sono scese di oltre il 70% dal 1980. Fonte

Dal 1980, il 44% di tutti i titoli statunitensi ha subito perdite sostenute superiori al 70%. Questi autobus hanno perso le ruote, sono finiti in un fosso e ci sono rimasti. Quasi il 60% dei titoli tecnologici, un settore in cui il cambiamento è rapido e costante, è stato smentito.

Benjamin Graham considerava le strisce di dividendi (cioè diversi anni ininterrotti) un importante segno di qualità. I suoi criteri erano due.

  • Più di 20 anni senza tagli ai dividendi sono segno di una società di qualità.
  • Oltre 20 anni di crescita dei dividendi sono un segno di qualità.

Ma a Wall Street non esistono certezze, solo probabilità. Ad esempio, durante la Grande Recessione, gli aristocratici dei dividendi avevano l '80% di probabilità in meno di tagliare i dividendi rispetto ai titoli con una striscia di crescita di 5-9 anni. Durante la Grande Recessione, gli aristocratici avevano la metà delle probabilità di tagliare i dividendi rispetto alle società con una striscia di crescita da 10 a 24 anni. Le società statunitensi non amano tagliare i dividendi e di solito non lo fanno se non è assolutamente necessario.

Pertanto, un dividendo in costante crescita è solitamente segno di un'azienda in salute, mentre un taglio dei dividendi significa che qualcosa non va. Ricordate che il 44% di tutte le azioni si trasforma in un disastro irreversibile.

E come si fa a saperlo? Sembra semplice: con i tagli dei dividendi. Questo non solo riduce il rendimento di un determinato investimento per noi investitori, ma dimostra anche statisticamente che una società ha maggiori probabilità di cadere in un guaio permanente e di entrare a far parte di quel 44%.

Dal 1973, i titoli con taglio dei dividendi hanno sottoperformato tutti gli altri tipi di titoli, con una volatilità più elevata.

Nell'arco di 14 anni, c'è una probabilità statistica del 90% che le aziende buone sovraperformino e quelle scarse no.

Volatilità in base alla strategia dei dividendi e alla variazione.

Quindi, dal punto di vista numerico, l'acquisto di società grandi e sane che pagano dividendi sembra dare i risultati migliori. La strategia suggerisce anche che al segnale o alla riduzione di un dividendo, è una buona idea sbarazzarsi della società.

Cosa sono esattamente i re e gli aristocratici dei dividendi?

Gli aristocratici dei dividendi e i re dei dividendi sono società che hanno aumentato il pagamento dei dividendi per più di 25 anni o 50 anni di fila. Queste società hanno bilanci sani e hanno mostrato performance convincenti nel corso degli anni. Con le attuali pressioni inflazionistiche, gli investitori prendono in considerazione questo settore perché queste società contribuiscono in modo significativo ai rendimenti complessivi del mercato.

Negli anni '40, '60 e '70, i dividendi hanno rappresentato il 67%, il 43% e il 72% dei rendimenti totali del mercato. Il rapporto indica anche che tra il 1973 e il 2021 i titoli a crescita di dividendi hanno sovraperformato il mercato con un rischio minore. Diversi altri studi hanno inoltre rivelato che i titoli a crescita dei dividendi sono stati storicamente una fonte affidabile di reddito regolare per gli azionisti. Da dicembre 1999 a giugno 2019, l'indice S&P 500 High Yield Dividend Aristocrats ha generato un rendimento totale del 590,3%, con i dividendi che hanno rappresentato il 57% del rendimento totale, secondo un rapporto di S&P Global.

E voi? Anche voi preferite i titoli a dividendo?

Disclaimer: questa non è in alcun modo una raccomandazione di investimento. L'investimento nei mercati finanziari è rischioso e ognuno dovrebbe investire in base alle proprie decisioni. Io sono solo un dilettante che condivide le proprie opinioni.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview