Questo veterano del settore bancario afferma che non ci sarà alcuna crisi bancaria.

Stiamo tutti osservando ciò che sta accadendo in questo momento nel settore bancario. Mentre alcuni analisti pensano al peggio, questo veterano del settore bancario è ottimista sulla situazione e afferma che non ci sarà alcuna crisi bancaria o che è già finita.

Su Internet circolano notizie sull'Armageddon del settore bancario. Ma Dick Bove, chief financial strategist di Odeon Capital Group, non crede che la situazione sia così terribile come viene riferito ovunque. Personalmente, vorrei solo sottolineare che condivido in larga misura la sua visione della situazione attuale e che vedo le cose in modo simile. Questa situazione, a mio avviso, è anche piuttosto specifica, ed è quindi necessario tenerne conto. Di cosa sia così specifica questa situazione ne parleremo qui di seguito.

L'inizio della follia

https://www.youtube.com/watch?v=QACGoKb48_0

Per capire l'unicità di questa situazione, dobbiamo tornare all'inizio e ricordare cosa ha scatenato questa follia. Tutto è iniziato con il crollo della Silicon Valley Bank $SIVB. Come tutti sapete, non si tratta di una banca normale. Era una banca per le start-up. Forse starete pensando che non importa quali aziende siano clienti della banca. In una certa misura avete ragione, ma questo era un caso assolutamente unico.

Questa banca era stata praticamente progettata per le start-up che costituivano la maggior parte della sua clientela. Il problema è che le start-up bruciano il denaro che hanno in deposito presso la banca. In situazioni come questa, queste aziende hanno semplicemente bisogno di più del contante che hanno depositato in banca. e c'è un problema. Naturalmente, sappiamo tutti come è andata a finire. Ma ora è importante esaminare le caratteristiche che distinguono questa banca dalle altre.

  • Elevata esposizione alle start-up: questa banca pagava in parte il suo portafoglio clienti, costituito per lo più da start-up e piccole imprese che non generavano ancora liquidità, e utilizzava il denaro degli investitori depositato presso la suddetta banca per operare.
  • Gestione insensata - Ci si aspetta che queste aziende abbiano bisogno di avere liquidità a disposizione. Invece di adattarsi in qualche modo alla natura della sua clientela, la banca ha investito il denaro raccolto in titoli di Stato a lungo termine. Questo non è necessariamente sbagliato, solo che in questo caso, ad esempio, la banca avrebbe potuto rivalutare la situazione e, data la natura dei suoi clienti, prendere una decisione diversa.

Secondo Bove, quindi, a differenza delle crisi passate, i problemi di credito non sono il fattore principale di questa crisi. A suo avviso, si tratta solo di un caso unico che ha suscitato troppo scalpore.

Non ci sono stati prestiti inesigibili, l'economia non è ancora in recessione. Le banche sono sane. Si è trattato di uno sviluppo unico che non aveva il diritto di minacciare l'intero settore.

Dopotutto, se si guarda al mercato del lavoro, questo mostra ancora una certa forza e stabilità. Personalmente, è questo mercato del lavoro a preoccuparmi, in quanto agisce come un forte vento contrario nella lotta all'inflazione.

L'effetto psicologico

Il problema più grande al momento è l'effetto psicologico scatenato dal crollo di $SIVB Tutto è avvenuto in modo terribilmente rapido, con due banche crollate in un solo fine settimana. Le persone erano sotto pressione e hanno smesso di pensare razionalmente. È stato questo effetto a scatenare gli enormi movimenti delle banche regionali più piccole sui mercati. L'incertezza, ovviamente, ha aggravato l'effetto fino a quando le prime notizie positive non hanno colpito i mercati.

Secondo Bove, l'attuale caos sui mercati è dovuto principalmente a questo effetto psicologico: in breve, il settore bancario è attualmente in preda al panico.

Gli attuali prelievi da alcune banche regionali vengono quindi effettuati in preda al panico e senza alcuna riflessione. In alcuni casi, ciò vale anche per gli investimenti: il crollo delle azioni di alcune banche è stato causato in gran parte dalla pressione dei timori di un altro fallimento.

La fine del panico

Recentemente, le maggiori banche statunitensi hanno deciso di venire in soccorso, fornendo alla First Republic Bank un'iniezione di liquidità di 30 miliardi di dollari.

Secondo Bove, è questa mossa che potrebbe porre fine al panico nel settore finanziario. Non sarebbe la prima volta. Dick Bove vede alcune somiglianze con eventi passati nel corso di questa follia. Bove paragona la mossa agli eventi del 1907, quando i leader delle maggiori banche unirono le forze per sedare i problemi.

Il panico del 1907 fu il più grande, quando l'intervento di JP Morgan contribuì a porre fine alle turbolenze bancarie.

Dick Bove vede questa mossa del partito come un'espressione della sua forza e una dimostrazione della sua disponibilità a contribuire a risolvere questa situazione nel settore bancario. In breve, con questo passo le principali banche statunitensi hanno indicato di essere pronte a proteggere l'intero settore bancario.

Secondo Bove, questa mossa delle grandi banche significherà la fine della crisi bancaria.

Personalmente, sarei ancora cauto nel fare una simile affermazione. Dobbiamo aspettarci che nulla cambi da un giorno all'altro, ma è certamente un passo nella giusta direzione. La grande domanda che ci si pone ora è quanto impatto avrà sull'effetto psicologico di cui sopra. Se si riuscirà a sopprimere questo effetto nelle persone, la crisi bancaria potrebbe davvero essere scongiurata.

ATTENZIONE: non sono un consulente finanziario e questo materiale non costituisce una raccomandazione finanziaria o di investimento. Il contenuto di questo materiale è puramente informativo.


No comments yet
Timeline Tracker Overview