Stanislav Cícha: Le azioni Genmab sono sottovalutate di circa il 40-50%, ma mi aspetto un miglioramento e una crescita…

Il mio ospite per l'intervista di oggi è Stanislav Cícha, architetto finanziario di Benefee International, con il quale discuteremo di investimenti, investimenti alternativi e dei suoi due titoli preferiti.

I colleghi Dagmar Rožánková e Stanislav Cícha

Potete presentarvi?

Salve a voi e ai lettori, nella mia vita privata sono innanzitutto marito di mia moglie e padre di due bambini, con i quali viviamo felicemente al confine tra Malá Strana e Smichov, a Praga. Ho una formazione in economia e tecnologia dell'informazione, una combinazione perfetta che mi permette di svolgere un'ampia gamma di lavori. Oltre a un lavoro molto vario, sono appassionato di sport, cerco buona musica e suoni di qualità, mi interesso di scienza e ricerca, saggistica, architettura, arte e design. Amo l'umorismo di ogni genere e mi piace scoprire vini eccezionali e il fascino del cognac francese.

Lei sarà probabilmente il primo architetto finanziario che intervisterò. Può spiegarmi meglio di cosa si occupa un architetto finanziario?

Prima di tutto, vorrei menzionare l'altra metà del team, la mia meravigliosa collega Dasha Rozankova, la cui vasta esperienza e il cui senso della situazione si integrano perfettamente con il mio approccio analitico e il mio lungo background in ambito informatico.

Abbiamo sviluppato una metodologia per i nostri clienti, che è la base della nostra analisi e della selezione della strategia più appropriata per ottenere il massimo o il beneficio desiderato. Combiniamo elementi che creano sinergie, unendo il piacevole all'utile. Gli elementi non solo devono essere ben saldi a terra, ma devono sostenersi a vicenda, e noi prestiamo grande attenzione a questo aspetto. Spesso mi sento un po' come un medico di famiglia, il nostro lavoro non finisce nel momento in cui il cliente esce dal nostro "studio", è un lungo percorso, richiede una perfetta conoscenza del "terreno" e la massima fiducia, poi arrivano il massimo e i risultati.

È necessario ricordare che non si costruisce mai su un campo verde, nessuno è un foglio bianco, nemmeno un bambino appena nato, ci sono sempre legami e connessioni, spesso molto fondamentali, e questi si possono o trascurare, ignorare o prendere in considerazione e tenere in considerazione.

Le nostre soluzioni tendono a essere sofisticate, ma allo stesso tempo il più possibile chiare e comprensibili per il cliente. Avete presente la favola dei tre porcellini che costruiscono case? Noi siamo il terzo :-) Siamo perfezionisti, abbiamo esigenze elevate per noi stessi e per i nostri clienti, ed è per questo che ci cercano.

Voi vi occupate di gestire i portafogli dei clienti, quindi vorrei sapere come pensate che debba essere un portafoglio d'investimento ideale?

Sì, progettiamo e realizziamo portafogli per i clienti, ma i clienti più esperti arrivano naturalmente con un portafoglio di base o un portafoglio di grandi dimensioni di cui non sono soddisfatti o la cui situazione è cambiata ed è opportuno rispondere a questa esigenza.

Alcuni di essi sono davvero progettati in modo errato per le loro esigenze, altri sono solo imputati al momento della creazione e non corrispondono alla situazione attuale. Quindi, per poter parlare concretamente, dovremmo prima selezionare l'investitore ideale; la risposta avrebbe senso solo in quella combinazione.

Tuttavia, ci proverò, forse un po' più in generale. Lavoriamo con una gamma molto ampia di strumenti, dagli ETF azionari, alle obbligazioni, al debito, agli immobili, ai metalli preziosi/commodity e alle criptovalute. Un portafoglio ideale dovrebbe essere innanzitutto ben coperto, ossia non dovrebbe essere l'unico fondo a disposizione del cliente e dovrebbe avere un piano nel caso in cui il portafoglio fallisca per qualsiasi motivo - Covid, guerra in Ucraina, crisi energetica o spirale inflazionistica.

Non è possibile entrare nei dettagli in questa sede, ma per un immaginario investitore a lungo termine ben finanziato, consiglierei di investire oggi il 30% dei fondi nel mercato azionario, in particolare in ETF tecnologici e biotecnologici innovativi, che al momento sono ancora molto redditizi nella correzione post-Covid. Non dovrebbero mancare le aziende alimentari stabili e i servizi di pubblica utilità, come l'energia, l'acqua e la gestione dei rifiuti. Data l'attuale situazione geopolitica, includerei nella componente azionaria anche le industrie militari e della difesa. Naturalmente è possibile accontentarsi di una strategia indicizzata e collaudata, ma noi preferiamo tenere le cose più sotto controllo. Vorrei sottolineare che nel caso delle azioni è importante anche un investimento regolare per compensare la loro volatilità.

Distribuirei l'intero 50% in fondi qualificati di comprovata efficacia e di lunga durata, dove l'investitore è molto più vicino al proprio investimento rispetto alle azioni, ha l'opportunità di vedere l'ambiente di produzione, di vedere la tecnologia, di incontrare le persone che stanno dietro ai singoli fondi e di vedere la qualità dei progetti che gli porteranno profitti negli anni a venire.

Il restante 20% è riservato a una combinazione di metalli preziosi e criptovalute, a seconda del fondo del cliente. Per i metalli preziosi consiglio una combinazione oro/argento/platino, per le criptovalute attualmente solo Bitcoin; anche qui, come per le azioni, vale la forte raccomandazione di investire regolarmente.

Ho visto su Linkedin che lei scrive anche di investimenti alternativi. Ma sono interessanti anche per l'investitore medio al dettaglio? O dovrebbero essere presi in considerazione?

In generale, qualsiasi investimento ben ponderato è interessante, e il mondo di oggi sta cambiando così velocemente che gli investimenti conservativi e alternativi stanno iniziando a mescolarsi in modo significativo in entrambe le direzioni.

Negli ultimi anni, sono stati gli investimenti più conservativi ad avere la peggio, che si tratti di depositi bancari assicurati, di strategie di risparmio previdenziale integrativo conservativo o di titoli di Stato, tutti investimenti che consiglierei a un cliente solo in casi molto specifici, vale a dire investimenti alternativi. La situazione non è molto diversa nel caso degli immobili, dove a causa dei prestiti costosi, dei prezzi elevati dell'energia e delle imminenti modifiche fiscali, anche la stabilità del valore di mercato non è del tutto certa, per non parlare della liquidità.

Se ci si riferisce alle criptovalute, il paragone è ancora una volta con la loro controparte conservatrice, la moneta di Stato. Nel caso della corona ceca, di proprietà dello Stato, così come dell'EUR o del dollaro USA, il continuo deprezzamento ben al di sopra degli obiettivi di inflazione della banca centrale è praticamente garantito per i prossimi anni. Le criptovalute sono già oggi un concetto ampio e personalmente sono molto scettico sulla maggior parte dei progetti; vedo solo un senso nel BTC, soprattutto a lungo termine, perché credo che in futuro sarà la base di un sistema di pagamento globale esteso.

Possiamo anche considerare i fondi di private equity come un'alternativa; oggi ce ne sono molti sul mercato ed è tutt'altro che facile separare il grano dalla pula. Tuttavia, se scelto correttamente, un investimento di questo tipo è più sicuro e redditizio rispetto, ad esempio, alle azioni, per le quali l'imprevedibile sentiment del mercato garantisce una notevole volatilità.

Cosa c'è di più interessante in termini di rendimento negli investimenti alternativi?

Come ho già detto, il Bitcoin può essere certamente interessante in termini di rendimento, ma presenta anche un rischio significativo, motivo per cui non è consigliabile per la maggior parte degli investitori al dettaglio allocarvi più del 10% dei propri fondi di investimento.

Al momento, ritengo che i più interessanti siano i fondi per investitori qualificati (QIF), che offrono opzioni molto interessanti con un rapporto performance/rischio favorevole. Siamo forti in questo settore da molto tempo, abbiamo le conoscenze, conosciamo il contesto, sappiamo chi c'è dietro i progetti e possiamo assicurarci le migliori opportunità. Non voglio fare nomi specifici, ma attualmente ci concentriamo su energia e rinnovabili, ingegneria ad alto valore aggiunto, debito di rischio e un gruppo ristretto di fondi immobiliari di qualità.

Sono certo che, in qualità di stratega degli investimenti e di gestore di portafoglio, lei si occupa anche di azioni. Per esempio, può dirci quali sono i suoi due titoli preferiti e spiegare perché sono interessanti, quale potenziale vede, ecc.

Il mio cuore è nelle biotecnologie. È probabile che nel corso di questo decennio questo settore porterà innovazioni che hanno il potenziale di cambiare in modo significativo il modo in cui vive la maggior parte della società. Porterà enormi profitti a molti azionisti, ma la maggior parte se ne andrà con un netto zero. Quindi la biotecnologia è certamente un settore interessante, ma impegnativo e in qualche modo adrenalinico.

Perciò, per tutti noi, scelgo la società danese Genmab, che sta sviluppando farmaci anticorpali per combattere il cancro e altre gravi malattie. Genmab non è una startup, ha diversi farmaci approvati, solidi ricavi e oltre due dozzine di prodotti in fase di sviluppo per rinomate grandi aziende farmaceutiche. Oltre al fatto che le azioni di Genmab sono attualmente sottovalutate del 40-50%, prevedo una crescita degli utili del 10-20% nei prossimi anni.

$GMAB+0.1%

L'altro titolo popolare è la norvegese Kongsberg Gruppen, che in origine era un'azienda di armamenti, ma che ora ha una portata molto più ampia. Oltre a produrre sofisticati sistemi di difesa, sviluppa tecnologie per il trasporto marittimo autonomo, si impegna nell'esplorazione dello spazio e degli oceani e gestisce un ecosistema digitale basato sul cloud, che consente ai clienti di elaborare in modo efficiente la grande quantità di informazioni generate dal funzionamento di questi sofisticati sistemi. I ricavi dell'azienda crescono di circa il 10% all'anno e si prevede che continueranno anche quest'anno. Personalmente, vedo un grande potenziale nell'espansione della navigazione senza equipaggio; esistono già diverse navi di questo tipo e la tendenza è chiara. Anche il settore tradizionale dell'azienda, l'industria degli armamenti, sembra promettente, dove mi aspetto vendite stabili o in crescita grazie agli sforzi dei membri europei della NATO per diventare meno dipendenti dalle capacità degli Stati Uniti. Come ciliegina sulla torta, Kongsberg paga un dividendo pari a circa il 3% dell'attuale prezzo dell'azione.

Di fronte all'attuale situazione di mercato, che vede il crollo delle banche, cambia in qualche modo la sua strategia di investimento? Adeguate il vostro portafoglio a questa situazione?

Le nostre strategie tengono conto del fatto che un settore può temporaneamente fallire o trovarsi in difficoltà, come accade ora nel settore bancario o un anno fa con i titoli tecnologici. Per gli investitori di lungo periodo, tali flessioni possono paradossalmente rappresentare un'opportunità di accumulazione redditizia. Possono essere una complicazione per coloro che hanno un obiettivo specifico a breve termine che intendono perseguire. In questo caso, naturalmente, analizziamo i casi specifici e cerchiamo di minimizzare le perdite.

Al momento, la situazione legata al crollo delle banche non ci sembra così drastica. Le banche fallite operavano in modo molto specifico, con un'alta percentuale di attività a rischio. Il Credit Suisse, in Svizzera, ha tagliato la gola per diversi anni e l'eventualità di una sua fine ingloriosa è stata ampiamente prezzata dal mercato.

  • Vi è piaciuta l'intervista di oggi? Se sì, assicuratevi di seguirci per non perdere altri contenuti unici. Ilmio ospite di oggi era Stanislav Cícha.

Si prega di notare che questa non è una consulenza finanziaria.


No comments yet
Timeline Tracker Overview