S&P 500 ^GSPC 5,304.72 +0.70%
Tesla TSLA $179.24 +3.17%
Meta META $478.22 +2.67%
Nvidia NVDA $1,064.69 +2.57%
Apple AAPL $189.98 +1.66%
Microsoft MSFT $430.16 +0.74%
Alphabet GOOG $176.33 +0.73%
Amazon AMZN $180.75 -0.17%

La recessione è molto vicina, siamo spinti verso di essa dai problemi legati alla contrazione del credito.

Filipo Maritinelli
17. 4. 2023
6 min read

Il mercato del credito statunitense è in subbuglio. La Silicon Valley Bank e la Signature Bank sono finite nei guai, facendo temere una possibile contrazione del credito e una recessione economica. I tassi di interesse sono in forte aumento, le banche devono far fronte a un deflusso di depositi e i consumatori ritengono che sia sempre più difficile ottenere un prestito. Tutto ciò indica che le banche potrebbero inasprire le condizioni di prestito, con conseguenti danni per l'intera economia. Se la situazione non migliora, gli Stati Uniti potrebbero precipitare in recessione.

I quattro mesi del 2023 si sono trasformati in timori di una possibile stretta creditizia dopo il crollo di marzo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank.

Importanti commentatori, tra cui l'economista Nouriel Roubini, noto come "Dr. Doom", Bill Gross e Jeffrey Gundlach, hanno avvertito che stanno emergendo segnali di una contrazione del credito che potrebbe innescare una recessione.

Gli americani stanno già sentendo la tensione. Un'indagine sulle aspettative dei consumatori condotta dalla Fed di New York ha rilevato che un numero crescente di famiglie americane ritiene che il loro accesso al credito sia peggiorato, con una percentuale di intervistati che ha raggiunto un nuovo massimo.

"È probabile che si verifichi una stretta creditizia a causa dello stress del settore bancario", ha dichiarato Daniele Antonucci, capo economista di Quintet.

"Se questo possa essere considerato un vero e proprio 'credit crunch' resta da vedere. Al momento la descriveremmo più come una 'stretta creditizia', ma c'è il rischio che se non viene tenuta sotto controllo possa trasformarsi in qualcosa di più ampio", ha aggiunto.

La contrazione del credito ha comportato una drastica riduzione dei prestiti bancari ai consumatori e alle imprese, rendendo il credito più difficile da ottenere e più costoso.

Cosa sta causando i timori di una contrazione del credito?

Le turbolenze bancarie: Il recente collasso della Silicon Valley Bank e della Signature Bank, dovuto a un afflusso di prelievi, ha sollevato il timore che anche le banche regionali statunitensi possano trovarsi in difficoltà.

I depositanti si stanno affrettando a trasferire i loro fondi dalle banche regionali ai fondi del mercato monetario, che di solito offrono rendimenti più elevati e sono considerati più sicuri dei depositi non assicurati. Nella settimana conclusasi il 15 marzo, circa 120 miliardi di dollari di depositi sono stati ritirati dalle piccole banche, una cifra follemente elevata.

Il deflusso di depositi ha suscitato negli investitori il timore che le banche regionali possano essere colpite da una "corsa alle banche" e che i prestatori prudenti possano ritirarsi per assicurarsi di non essere sovraesposti, provocando una contrazione del credito.

Tassi di interesse più elevati: l'aumento dei tassi di interesse è un duplice catalizzatore della contrazione del credito negli Stati Uniti. La Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse al 5% rispetto al livello prossimo allo zero di 12 mesi fa - il più forte aumento dei costi di finanziamento degli Stati Uniti dal 1980 - per contenere l'inflazione crescente.

L'aumento dei tassi d'interesse, che ha contribuito al crollo della SVB riducendo il valore del suo portafoglio obbligazionario, ha alimentato il timore che altri istituti di credito di medie e piccole dimensioni corrano rischi simili, provocando una corsa ai depositi. Secondo JPMorgan, circa 1.000 miliardi di dollari di depositi sono stati ritirati dalle "banche più vulnerabili d'America" da quando la Fed ha iniziato ad alzare i tassi d'interesse nel marzo 2022. Ciò potrebbe indurre le banche a inasprire i propri standard di prestito.

Jeff Gundlach

I "re dei bond" Gross e Gundlach hanno fatto eco a questa opinione, osservando che l'aumento dei tassi di interesse ha ridotto il valore delle obbligazioni bancarie e di altri asset e ha esposto i prestatori a un maggior rischio di insolvenza dei prestiti, in particolare nel settore immobiliare commerciale".

Un aumento di 450 punti base e ulteriori rialzi dei tassi in 12 mesi incideranno necessariamente sui bilanci che utilizzano una contabilità corretta - durata e credito", ha affermato Gross.

I tassi d'interesse più elevati hanno anche aumentato i costi di finanziamento. Questo è preoccupante per le banche, perché i mutuatari che devono affrontare costi più elevati potrebbero non essere in grado di ripagare i loro prestiti, e questo potrebbe porre le basi per un inasprimento degli standard di prestito da parte delle banche.

"Ma ammettiamo che non sappiamo quanto l'ondata di fallimenti bancari che si sono già verificati porterà a un calo complessivo dei prestiti. E non mi aspetto che la Fed inizi a tagliare i tassi prima del dicembre 2023, e nel frattempo potremmo assistere ad altri problemi", ha dichiarato.

Incertezza della Fed: La possibilità di una stretta creditizia complica il lavoro della Fed perché crea incertezza sulla sensibilità dell'economia ai cambiamenti di politica monetaria, ha dichiarato Preston Caldwell, capo economista statunitense di Morningstar.

Rischi di recessione: il forte aumento dei tassi d'interesse minaccia già di soffocare la crescita dell'economia statunitense perché ha aumentato i costi di prestito e incoraggiato il risparmio anziché la spesa, gli investimenti e le nuove assunzioni.

Se il credito si "prosciuga", potrebbe pesare sul valore delle azioni, degli immobili e di altri beni e indebolire la domanda aggregata - una ricetta per una dolorosa recessione. Inoltre, se la contrazione del credito dovesse portare a un forte aumento dei prestiti in sofferenza e dei fallimenti a causa dell'evaporazione delle opportunità di finanziamento, potrebbe colpire le banche e il sistema finanziario in generale, aggravando la recessione economica.

In sintesi, una contrazione del credito potrebbe avere conseguenze devastanti. Se il numero di prestiti dovesse diminuire o mettere in pericolo le persone, l'economia statunitense ne risentirebbe riducendo la domanda, gli investimenti e la crescita. Inoltre, se si verificasse un'ondata di prestiti non performanti, potrebbe causare problemi al settore bancario.

La maggior parte degli osservatori di questa situazione ritiene che il sistema bancario sia più resistente rispetto alla crisi finanziaria e che la Fed disponga di strumenti come gli stress test e le linee di credito standby per alleviare eventuali tensioni. Tuttavia, la minaccia di una contrazione del credito rimane reale e richiede un attento monitoraggio.

Si noti che questa non è una consulenza finanziaria. Ogni investimento deve essere sottoposto a un'analisi approfondita.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.