S&P 500 ^GSPC 5,267.84 -0.74%
Nvidia NVDA $1,037.99 +9.32%
Tesla TSLA $173.74 -3.54%
Apple AAPL $186.88 -2.11%
Alphabet GOOG $175.06 -1.65%
Amazon AMZN $181.05 -1.14%
Microsoft MSFT $427.00 -0.82%
Meta META $465.78 -0.43%

Pensate di conservare la liquidità quest'anno? Ecco le opinioni degli esperti di Wall Street.

Loreto Ricchetti
22. 4. 2023
4 min read

Si parla molto del fatto che al momento sia meglio non investire i soldi e aspettare che la tempesta passi, per poi tornare sul mercato azionario. Ma non è così semplice, perché? Diamo un'occhiata a questo punto.

Di recente i tassi di interesse sono aumentati e con essi i rendimenti dei conti di risparmio, che ora raggiungono il 5%. Gli analisti di Bank of America considerano i contanti un'alternativa convincente allo S&P 500.

Nel primo trimestre del 2023, gli investitori hanno trasferito 508 miliardi di dollari nei fondi del mercato monetario. Gli esperti di Wall Street, tuttavia, consigliano di non evitare le azioni, ma di seguire il proprio piano e i propri obiettivi a lungo termine. Secondo Bank of America, l'indice S&P 500 dovrebbe garantire un rendimento annuo del 7% nel prossimo decennio. Diamo quindi un'occhiata a come la vedono gli esperti.

Jonathan Shenkman

Jonathan Shenkman è il fondatore e presidente del fondo Shenkman Wealth Manegement, dove ricopre anche il ruolo di gestore di portafoglio e di consulente per i clienti del fondo.

Allocare più fondi in CD ad alto rendimento, fondi del mercato monetario o Treasuries può sembrare prudente, ma si tratta di una forma di market timing che va evitata.

Infatti, secondo Shenkman, gli investitori non otterranno i vantaggi che immaginano facendo così, perché? Si tratta di market timing. Rimanendo seduti su alcuni strumenti e aspettando che questo mercato selvaggio finisca, potreste privarvi di una parte dei vostri profitti.

Secondo Shenkman, gli investitori che continuano ad attenersi al loro piano e non si spostano da uno strumento all'altro e viceversa saranno più avvantaggiati. È lo stesso metodo della media dei costi per gli ETF, ad esempio. Una persona che si trova in una fase di mercato guadagnerà meno di una persona che investe regolarmente e si attiene al suo piano.

Marc N. Balcer

Marc N. Balcer è consulente finanziario e direttore di Girard, la divisione di gestione patrimoniale di Univest.

Nel lungo periodo, la liquidità non è esente da rischi.

Secondo Balcer, il contante presenta un grosso rischio: nel lungo periodo viene sopraffatto dall'inflazione o, in alternativa, l'inflazione spazzerà via la maggior parte dei guadagni se il contante viene conservato da qualche parte.

Nel breve termine, se gli investitori vogliono detenere liquidità, devono cercare prodotti adatti a tale scopo, ossia in grado di adeguarsi all'inflazione. Ma questi prodotti possono presentare dei problemi. I depositi degli investitori potrebbero non essere adeguatamente assicurati e garantiti, quindi c'è il rischio, soprattutto al giorno d'oggi, che gli investitori perdano il loro denaro.

Balcer ritiene che il rischio che la liquidità superi l'inflazione sia lo stesso che si corre reinvestendo il denaro nel mercato azionario nel momento sbagliato.

Brent Weiss

Brent Weiss è consulente finanziario presso Facet Wealth, dove aiuta i clienti a gestire le loro finanze e il loro patrimonio.

Non limitatevi a inseguire i tassi, ma seguite il vostro piano: nel lungo periodo le azioni supereranno le obbligazioni e le obbligazioni i contanti.

Weiss è dello stesso parere di Jonathan Shenkman. Infatti, anche Weiss ritiene che sia importante essere coerenti in questo senso e non soccombere alle tendenze di breve termine. Il mercato attraversa diversi cicli: uno è quello in cui le azioni sono in voga e offrono rendimenti elevati, poi c'è un periodo in cui sono in voga la liquidità o le obbligazioni.

Secondo Weiss, l'importante è il trend di lungo periodo, in cui le azioni battono nettamente sia le obbligazioni che la liquidità.

Qual è la mia opinione in merito?

Il mio punto di vista, in quanto investitore in azioni, può essere piuttosto univoco. L'attuale situazione in cui le obbligazioni sembrano essere l'opzione migliore è dovuta all'inflazione e al conseguente aumento dei tassi di interesse.

Pertanto, considero questo momento come transitorio e, nel lungo periodo, credo ancora nelle azioni. Allo stesso tempo, concordo con l'opinione espressa in precedenza: un investitore dovrebbe attenersi al proprio piano. Perché non serve a nulla cambiare improvvisamente i nostri piani di investimento. Anzi, può capitare di agire sotto l'influenza delle emozioni.

Piuttosto che mettere da parte i contanti per battere l'inflazione, trovo che sia meglio acquistare i ribassi graduali che possono aumentare i miei potenziali profitti in futuro.

Conclusione

Come possiamo vedere, anche secondo gli esperti, non è del tutto saggio spostare il denaro dalle azioni alla liquidità, ed eventualmente ad altri strumenti di liquidità. Ciò che è importante per gli investitori è che non è una buona idea saltare da un asset all'altro senza un piano a lungo termine, solo perché qualcosa offre attualmente un rendimento più elevato.

Il principio dell'investimento a lungo termine consiste nell'attenersi al proprio piano di investimento a lungo termine. In questo modo si massimizza la probabilità di ottenere un profitto in futuro.

ATTENZIONE: non sono un consulente finanziario e questo materiale non costituisce una raccomandazione finanziaria o di investimento. Il contenuto di questo materiale è puramente informativo.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.