S&P 500 ^GSPC 5,304.72 +0.70%
Tesla TSLA $179.24 +3.17%
Meta META $478.22 +2.67%
Nvidia NVDA $1,064.69 +2.57%
Apple AAPL $189.98 +1.66%
Microsoft MSFT $430.16 +0.74%
Alphabet GOOG $176.33 +0.73%
Amazon AMZN $180.75 -0.17%

La recessione risolve i 3 principali problemi del mercato azionario e sappiamo quando si verificherà

Bonaventura Sorrentino
24. 4. 2023
3 min read

Nicholas Colas, analista di DataTrek, sostiene che la recessione potrebbe contribuire a risolvere i tre principali problemi che affliggono i mercati azionari: l'inflazione elevata, i rialzi aggressivi dei tassi di interesse da parte della Fed statunitense e il calo della produttività. Sebbene l'aumento dei tassi di interesse e la contrazione del credito aumentino il rischio di recessione, Colas sostiene che i mercati accolgono con favore la flessione economica.

Chi è Nicholas Colas?

Nicholas Colas è un economista americano e cofondatore della startup di finanza conversazionale DataTrek Research. È anche corrispondente per la CNBC e Bloomberg TV.

È considerato un esperto di mercati azionari, economia e settore tecnologico. In precedenza, Colas è stato responsabile della strategia di investimento presso ConvergEx Group e Ladenburg Thalmann. Si è concentrato sull'analisi dei mercati e dei settori per i clienti istituzionali.

Secondo DataTrek, i mercati stanno valutando positivamente la possibilità di una recessione, che potrebbe risolvere alcuni dei gravi problemi che attualmente gravano sulle azioni.

Nella sua analisi di venerdì, la società ha messo in guardia dal rischio crescente di una recessione entro un quarto d'anno a causa dell'aumento dei tassi d'interesse dovuto alla contrazione del credito derivante dai fallimenti bancari di marzo. Ma nonostante questi rischi, i mercati sono in rialzo, ha dichiarato Nicholas Colas, cofondatore di DataTrek. Una recessione potrebbe risolvere i "tre problemi più urgenti" dei mercati causati dalla pandemia:

A. Alta inflazione.

I prezzi hanno raggiunto quest'estate i massimi di 41 anni e rimangono ben al di sopra dell'obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla Fed. L'inflazione elevata ha colpito duramente i profitti delle aziende e ha fatto crollare le azioni del 20% nel 2022.

B. Aumenti aggressivi dei tassi di interesse da parte della Fed.

Nell'ultimo anno i banchieri centrali hanno aumentato i tassi di interesse dai minimi storici per controllare l'inflazione. Tuttavia, l'aumento dei tassi di interesse ha fatto lievitare il costo del rimborso dei prestiti per le aziende e ha reso le obbligazioni più interessanti rispetto alle azioni.

C. Diminuzione della produttività del mercato del lavoro.

Il mercato del lavoro è stato estremamente forte negli ultimi anni e una recessione potrebbe impedire alle aziende di assumere nuovi lavoratori in massa, cosa che migliorerebbe i loro margini di profitto.

"I mercati azionari statunitensi non solo anticipano un'imminente recessione, ma in realtà accolgono con favore la possibilità di una flessione economica", ha affermato Colas.

Ha aggiunto che tutti e tre i problemi del mercato sono stati rapidamente risolti in ogni recessione dal 1960.

"Colas ha affermato in precedenza di ritenere che gli Stati Uniti non eviteranno una recessione nel 2023, il che corrisponde agli avvertimenti di altri esperti sull'economia.

Mentre Colas ha affermato che la flessione aumenterà la redditività delle aziende, altri esperti avvertono che una recessione potrebbe pesare sulle azioni nel breve termine. Secondo le previsioni di JPMorgan, le azioni potrebbero scendere di almeno il 15% in caso di recessione anche lieve.

Si prega di notare che questa non è una consulenza finanziaria.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.