S&P 500 ^GSPC 5,266.95 -0.74%
Meta META $474.36 -1.16%
Nvidia NVDA $1,148.25 +0.81%
Alphabet GOOG $177.40 -0.35%
Tesla TSLA $176.19 -0.32%
Microsoft MSFT $429.17 -0.27%
Apple AAPL $190.29 +0.16%
Amazon AMZN $182.02 -0.07%

PANORAMICA DELLE MATERIE PRIME ORO/PETROLIO

Filipo Maritinelli
27. 4. 2023
2 min read

Ilprezzo dell'oro a pronti è rimasto invariato a 1.983,94 dollari per oncia, mentre i futures sull'oro sono saliti dello 0,2% a 1.993,95 dollari per oncia. Entrambi gli strumenti hanno perso più dell'1% nella settimana precedente.

Il calo di due settimane dell'oro arriva poco dopo che il metallo giallo era salito a livelli quasi record, in gran parte a causa dell'aumento della domanda di beni rifugio quando i mercati temevano una possibile crisi bancaria e una recessione quest'anno.

Glialtri metalli preziosi sono stati misti lunedì: i futures sul platino sono scesi dello 0,8%, mentre quelli sull'argento sono saliti dello 0,3%.

Tra i metalli industriali, i futures sul rame sono scesi leggermente, estendendo le forti perdite della scorsa settimana, a causa dei timori di un rallentamento dell'attività industriale. I futures del rame sono scesi dello 0,1% a 3,9888 dollari per libbra.

Il prezzo del greggio Brent è sceso di 75 centesimi, pari allo 0,92%, a 80,91 dollari al barile, mentre il greggio West Texas Intermediate statunitense è stato venduto a 77,13 dollari al barile, con un calo di 74 centesimi, pari allo 0,95%.

Entrambi i contratti sono scesi di oltre il 5% la scorsa settimana, il primo calo settimanale in cinque anni, a causa del calo della domanda di benzina negli Stati Uniti rispetto all'anno precedente, alimentando i timori di recessione nel più grande consumatore di petrolio al mondo.


Trasmettete l'articolo o conservatelo per un secondo momento.