@filipomaritinelli

Bank of America ritiene che i titoli di streaming saranno colpiti duramente dal possibile arrivo di una recessione. Ci fornisce 2 motivi principali per cui ha abbassato significativamente il suo prezzo obiettivo per le azioni Netflix $NFLX. La banca mette in guardia gli investitori da un aumento del numero di abbonati e da prospettive macroeconomiche difficili. Senza contare che oggi sono arrivate altre spiacevoli notizie sotto forma di licenziamenti di dipendenti.

Il rosso potrebbe essere il colore ufficiale delle azioni $NFLX, in quanto è quello che ci segna un calo di oltre il 70% dall'ATH.

Netflix $NFLX è un fornitore americano di film e programmi televisivi in pay-per-view online, in breve una piattaforma di streaming. Secondo Bank of America, $NFLX è ancora un servizio essenziale e richiesto, ma se la recessione è in arrivo, potrebbe significare tempi duri per le azioni di streaming.

Giovedì la società ha tagliato il suo obiettivo di prezzo sulle azioni Netflix a 196 dollari da 240 dollari. Il nuovo obiettivo di prezzo è quasi del 10% rispetto alla chiusura di mercoledì (il titolo è attualmente a 181,71 dollari).

Netflix è da tempo afflitta dal problema degli abbonati che abbandonano, non rinnovano regolarmente l'abbonamento e inoltre chiedono prestiti tra di loro, restringendo ancora una volta la percentuale di abbonati attivi.

Come mostra il grafico qui sopra, la perdita di abbonati è avvenuta per la prima volta in 10 anni.

Secondo un analista di Bank of America, uno scenario di recessione potrebbe portare a un aumento del numero di abbonati o limitare il potere di determinazione dei prezzi.

"Lo streaming potrebbe essere colpito duramente in una fase di recessione, dove le piattaforme vedranno cancellazioni e riabbonamenti ricorrenti in coincidenza con il rilascio programmato di contenuti originali, soprattutto tra gli utenti a basso reddito", ha affermato.

"Se la recessione dovesse prendere piede", ha aggiunto, "non sarebbe sorprendente assistere a un aumento della rotazione". In altre parole, uno sviluppo simile a un'altalena, in cui le persone acquistano regolarmente ma cancellano anche i loro abbonamenti.

L'aumento degli annunci potrebbe essere un modo per risolvere il problema. Ciò consentirebbe loro di abbassare il prezzo degli abbonamenti, in modo che ai clienti rimanga più denaro per rinnovare altri servizi in abbonamento. Tuttavia, ciò andrebbe a vantaggio dei concorrenti di Netflix più che di Netflix stessa.

Una cosa è chiara: Netflix deve iniziare a risolvere i suoi problemi e la sua strategia, altrimenti le possibilità di riconquistare la prima posizione nel mondo dello streaming, dove aziende come Disney, Warner Bros. e altre stanno lentamente recuperando terreno, diminuiscono. Per non parlare delle critiche mosse da Netflix alla creazione di contenuti propri che, per quanto originali, sono costosi e richiedono molto tempo.

Bank of America:

"Crediamo che Netflix rimarrà il fornitore dominante finché la sua libreria di contenuti rimarrà ampia e avrà diversi prodotti di contenuti originali di grandi dimensioni che manterranno gli utenti abbonati. Tuttavia, man mano che un maggior numero di concorrenti entra in rete e costruisce le proprie librerie di contenuti, la forza collettiva e la frammentazione del settore sotto Netflix saranno un fattore di crescita.

Ieri ci sono giunte altre cattive notizie

  • Netflix ha licenziato 300 dipendenti nell'ambito della riduzione dei costi.

Netflix $NFLX ha dichiarato di aver licenziato 300 dipendenti, circa il 4% della sua forza lavoro, in una seconda serie di tagli occupazionali volti a ridurre i costi dopo che il gigante dello streaming ha perso abbonati per la prima volta in più di un decennio.

La mossa colpisce soprattutto la forza lavoro statunitense e arriva dopo che l'azienda ha tagliato 150 posti di lavoro il mese scorso. Questo pone l'azienda dalla parte di Tesla e di molte altre società che licenziano i dipendenti nei momenti in cui le condizioni di mercato non sono ottimali.

  • È anche un altro colpo (certamente minore) per più di un'azienda, dato che i dati sulla disoccupazione negli Stati Uniti aumentano fino al 2022. Non credo che questa sia la prima o l'ultima azienda che ha dovuto ricorrere a questa mossa.

"Mentre continuiamo a investire in modo significativo nell'azienda, abbiamo apportato questi aggiustamenti per garantire che i nostri costi crescano in linea con la nostra crescita più lenta dei ricavi", ha dichiarato Netflix in un comunicato di giovedì.

Negli ultimi mesi, il servizio di streaming dominante a livello mondiale è stato messo sotto pressione dall'inflazione, dalla guerra in Ucraina e dalla concorrenza agguerrita che hanno pesato sulla crescita degli abbonati. Dopo il calo degli abbonati nel primo trimestre, Netflix ha previsto perdite ancora maggiori per il periodo in corso.

Per arginare questa tendenza al ribasso, l'azienda ha in programma di introdurre un livello di abbonamento ad-supported più economico, per il quale è in trattativa con diverse aziende.

Per essere più che scettici: $NFLX sta cercando di stabilire partnership

Ted Sarandos, amministratore delegato di Netflix, ha dichiarato giovedì che sono in corso trattative con diverse aziende per la creazione di partnership con il supporto pubblicitario, mentre il colosso dello streaming cerca di affrontare il rallentamento della crescita degli abbonati introducendo un piano ad-supported più economico.

All'inizio della settimana i media hanno riportato che l'azienda stava discutendo con Alphabet Inc (Google) e NBCUniversal di Comcast Corp per potenziali accordi di marketing.

Non aggiungeremo annunci pubblicitari a Netflix come lo conoscete oggi. Stiamo aggiungendo un livello pubblicitario per le persone che dicono 'ehi, voglio un prezzo di abbonamento più basso e guarderò la pubblicità'", ha detto Sarandos ai Cannes Lions.

Anche il più temibile sfidante di Netflix - Disney+ di Walt Disney - ha dichiarato che introdurrà un livello ad-supported mentre il boom pandemico dello streaming si affievolisce, la concorrenza si fa più serrata e l'inflazione crescente comprime la spesa dei consumatori per l'intrattenimento.

  • Le azioni di streaming sono una buona ''commodity'' per voi?
  • State investendo in Netflix o vi aspettate un'altra forte caduta?
  • Vi state orientando verso la concorrenza piuttosto che verso Netflix stessa?
  • A quanti dollari finirà Netflix nel 2022?

Leggere l'articolo completo gratuitamente? Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.
Discussion
No comments yet

👋 Co je Bulios?

Bulios je největší sociální síť pro investory v Evropě. Najdete zde unikátní investiční analýzy, tipy na investice nebo návody jak si vytvořit pasivní příjem z akciových a kryptoměnových investic. Komunita investorů na Bulios aktivně sdílí své know-how a díky tomu může každý člen této komunity úspěšně investovat. Na Bulios najdete kompletní data k akciím a kryptoměnám z celého světa, například Tesla $TSLA, Apple $AAPL, Microsoft $MSFT, Amazon $AMZN, Bitcoin $BTCUSD, Ethereum $ETHUSD či Cardano $ADAUSD. Také zde najdete data k hlavním burzovním indexům NASDAQ, S&P500 či DOW. Můžete si zde vytvořit vlastní watchlist nebo virtuální portfolio a sledovat vývoj cen oblíbených akcií a kryptoměn. Akcie, kryptoměny, investice, burza, to je Bulios. Články, videa ani jakékoliv další příspěvky na serveru Bulios.com nejsou investičním doporučením. Mají pouze informativní či zábavný charakter. Proto se pravidelně vzdělávejte a provádějte své vlastní investiční analýzy. Sledujte Bulios na sítích 👇